FORUM Club Italiano del Colombaccio

Vasco

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1240
    • Mostra profilo
Risposta #13 il: 10/11/2021 - 14:47
La memoria del colombaccio, ma anche dei tordi e tante altre specie che migrano è  incredibile. Tanto sviluppata da far pensare che siamo in presenza di animali che sono in grado di valutare quello che per noi è impossibile.

Lo sviluppo della tecnologia ci riserva scoperte fino a qualche anno fa impensabili, lo studio della fenologia, quindi la presenza sul territorio delle varie specie durante i diversi periodi dell'anno, ci farà capire molte cose ancora sconosciute sulle abitudini comportamentali del colombaccio.

Non dormo la notte per saperne sempre più, è mezzo secolo che osservo quotidianamente questo animale, ogni anno mi riserva piacevoli sorprese. Ultima, quella di un giovane colombaccio di tre mesi che ha sviluppato, quasi totalmente, il collarino in una settimana. Quindi l'attenta osservazione e lo studio è indispensabile per il bene della conservazione delle specie, della CACCIA. Il cacciatore moderno è chiamato ad assolvere un compito importante per  il futuro all'attività venatoria, quello di collaborare con la scienza, solo con la documentazione scientifica possiamo significare la sostenibilità dell'attività venatoria, mai come ora indispensabile alla conservazione del giusto equilibrio della fauna selvatica.
 
Un abbraccio.
Vasco

Seagate

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 99
    • Mostra profilo
Risposta #12 il: 10/11/2021 - 14:30
Sarebbe bello se il mondo scientifico accademico facesse  tesoro di questo patrimonio di esperienze per unire gli sforzi...io credo in una forma di "intelligenza" animale...meno evoluta ma sempre definibile come intelligenza...certi fatti non si spiegano altrimenti e i fatti li osserva chi è tutti i giorni sul campo...

walt46

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 608
    • Mostra profilo
Risposta #11 il: 09/11/2021 - 22:39
A questo proposito sulla loro memoria dei luoghi , vengo a raccontarvi un fatto...dovete sapere che presso Frassineto Po c e tuttora un istituto di pioppicultura interdetto alla caccia che era un dormitorio formidabile...c era letteralmente in terra quattro dita di piume....successe una notte di 10 anni fa che passò di lì un a tromba d aria o meglio un mini tornado perche c era devastazione ovunque per kilometri quadrati anche verso il Sesia e Candia Lomellina in provincia di Pavia dall altra sponda del Po,...pioppaie abbattute come fuscelli.....da quel giorno...forse ne morirono pure molti ma nn ho certezza....nn hanno più...né svernato né dormito in quel luogo,segno che rimane una memoria anche nelle successive generazioni...io lo ritengo altamente probabile.Buonanotte a tutti.

Vasco

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1240
    • Mostra profilo
Risposta #10 il: 09/11/2021 - 21:53
..."Credo anch'io che il loro orizzonte visivo si estenda ben al di là del nostro"...   Non posso darti torto, hai perfettamente ragione. 

C'é qualcuno che mi fa capire come fa un animale selvatico che percorre migliaia di km. dal luogo dove nidifica a quello dove sverna a tornare dopo un anno nello stesso luogo e nello stesso periodo?

Ecco, la risposta l'ha data Seagate.
« Ultima modifica: 09/11/2021 - 21:57 da Vasco »

Seagate

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 99
    • Mostra profilo
Risposta #9 il: 09/11/2021 - 15:10
Magari mi sono spiegato male...per nord delle Alpi intendo Austria Svizzera Francia...la direttrice che che va a sfociare nella Francia centrale...le previsioni la davano "chiusa" così come la ns che va da Mesola all'appennino tosco Romagnolo per sfociare sul Tirreno...rimaneva un corridoio sgombro dalla Slovenia per la Padana poi golfo Ligure-francia meridionale-catalogna... possibile ci fosse poco a monte su quella direttrice a differenza di quella da cui provenivano quelli che hanno traversato le Alpi...Credo anch'io che il loro orizzonte visivo si estenda ben al di là del nostro...

walt46

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 608
    • Mostra profilo
Risposta #8 il: 09/11/2021 - 12:13
...mi spiace conttraddirti ( da patente di buon osservatore che mi certifichi )ma a nord ovest sul confine Alessandria Asti di vedeva l impossibile...c era si un nuvolone sopra che ha rabbuiato l Alessandrino  ma oltre ad ovest il sereno....e sono andati tutti verso il sole...compresi i localizzati che poi tornano.
..Ciao

Seagate

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 99
    • Mostra profilo
Risposta #7 il: 09/11/2021 - 11:37
Intanto grazie per le informazioni che presumo siano frutto di anni di osservazioni e considerazioni...
Sabato e domenica c'era maltempo sia a nord delle Alpi sia al centro Italia... è verosimile quindi che il flusso migratorio che scorre al margine nord della catena montuosa abbia,almeno in parte, valicato le Alpi diretto a sud-ovest...da considerare le quote di svalico e la larghezza della catena montuosa...il che mi fa pensare che se hanno visuale non gli fa paura niente...resta aperto il mistero del rientro in Padana di cui evidentemente sei sicuro... eppure la natura si muove con criteri logici...cibo e raggiungimento della meta col minor dispendio e maggiori possibilità di sopravvivenza...in questo caso parrebbe di no ma credo che siamo noi che non riusciamo a capire cos'è che li spinge a risalire...
Ciao e di nuovo grazie

walt46

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 608
    • Mostra profilo
Risposta #6 il: 09/11/2021 - 08:37
Un bel contro senso per ritrovarsi a 30 km dall avvistamento !!!

walt46

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 608
    • Mostra profilo
Risposta #5 il: 09/11/2021 - 07:36
Buongiorno a tutti,buongiorno Seagate....il passo e ripasso  in Liguria sono molto complessi.....quelli dei primi di ottobre che fanno " ritorno" sappiamo bene che piano piano si ammucchiano verso Cuneo...probabilmente per il taglio tardivo del mais e il permanere delle stoppie piu a lungo rispetto all Alessandrino che girano i terreni ad una velocitá impressionante.....e dopo sentito l impulso migratorio passano a sud sulla Riviera ...chi per la Francia...e chi per Toscana e oltre interessando il Genovesato costiero,e si possono verificare le segnalazioni dei primi d ottobre !!!
Le popolazioni imponenti verso sud ovest  degli ultimi tre gg nn erano certamente in stop over nel Cunnese e probabilmente in nessun territorio a nord ovest del Po grossomodo da Casale Monferrato sino alle porte della val d Aosta ( risaie marce ed incolte)....come nn possiamo dire che si erano imbottigliati ad  ovest  per la nebbia ( che succede )....come nn possiamo dire che nn abbiano visto per tempo ad ovest scendendo  le Alpi Marittime e le Graie essendo limpidissimo..QUESTI CI ARRIVAVANO DA OLTRE LE ALPI ma probabilmente attraverso le  ALPI CENTRALI !!!..secondo me tt questo denota popolazioni che sanno che andranno ad ovest comunque continuando  superate le PREALPI grosscomodo ad Ormea Saccarello per calare a mare u bucare a La TURBIE sopra Monaco ....appunto le sorgenti del Tanaro ... che abbiamo lasciato ad ovest di ALESSANDRIA punto d avvistamento  !!! Attenzione però...i Francesi sostengono che dalla Costa Azzurra s imbarcano per la Corsica Occidentale !!!!..,,per questo sostengo convintamente che sono due popolazioni e due linee di passo con mete evidentemente diverse verificatesi gli stessi giorni col medesimo impulso migratorio dato dalle condizioni favorevoli.....chi va a sud ovest i primi ....e chi va ad est per chissa dove i secondi....remando addirittura controvento dal confine  passando giocoforza il Genovesato .sud ovest vs nord est !!!....anche a buio..sempre controvento.....se nn é convinzione di dove DEVONO  andare questa ???!!! Ciao a te e a tutti.

Seagate

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 99
    • Mostra profilo
Risposta #4 il: 08/11/2021 - 22:22
Forse fanno il giro di riscaldamento...e poi,al semaforo verde,scatenano l'inferno...
Passami la battuta...ma è ragionevolmente certo che in corrispondenza di Voltri ripassano il crinale appenninico...voglio dire se qualcuno li vede proprio tornare in Padana...
Ci vorrebbe qualche microchip di quelli che ti iniettano col vaccino...va be' passami anche questa...ciao buonanotte

walt46

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 608
    • Mostra profilo
Risposta #3 il: 08/11/2021 - 20:44
Ciao caro.....in Lomellina a detta di amici latitano...in Piemonte te li devi cercare e a volte ci si aggiunge qualche mini contingente di passo giornaliero .....sabato io c ero vicino da dove ne hanno visto centinaia su centinaia ma nn li ho visti ne in aria ne approciarsi sul territorio perché scendevano dal confine Asti Alessandria verso la Liguria di Ponente dritti come lenze ,per me  domenica é stato tt nella norma fuorche il bombolone della Garzetta , .....ho forti dubbi che questi nn siano andati ad Ovest
Lo scritto...Grecia o Turchia é piu per enfatizzare l avvenimento davvero inusuale x le dimensioni....dopodomani venga giu anche Pluvio....vado a vedere se si sono fermati in Piemonte con ogni probabilita in prossimita delle imponenti alberature lungo i fiumi .....un ultima osservazione critica ...perché andare sino prima d Imperia per poi svoltare verso Genova ...oltrepassare l Appennino a Voltri ....e ritrovarsi  nuovamente in Pianura Ovadese  a 30 km in linea d aria da dove sono passati prima ???
.Ciao

Seagate

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 99
    • Mostra profilo
Risposta #2 il: 08/11/2021 - 20:16
Mi chiedo se c'è un riscontro di un possibile svernamento in Padana...nel senso di evidente aumento di presenze nella stagione invernale rispetto alla primavera-estate...sui Pirenei si lamentano della diminuzione del passo rispetto al passato causata,a dir loro,dallo svernamento nel sud-ovest francese grazie alle monocolture di mais impiantate negli ultimi anni... è successo qualcosa di analogo in Padana...mi pare di aver letto su queste pagine che nel basso veneto e Romagna si fermino meno rispetto al passato proprio per le recenti pratiche agricole meno favorevoli... d'altra parte se proseguissero verso Grecia e Turchia li dovrebbero vedere in Puglia...non mi pare...se venissero dal centro Europa dovrebbero entrare dalle Alpi marittime sino alla Costa Azzurra...i colleghi francesi potrebbero aiutare con le loro osservazioni...ogni tanto guardo Palombe.com e non mi pare,per quello che capisco di francese cioè quasi zero,che parlino di imponenti transiti in direzione inversa...boh non saprei proprio...a naso mi verrebbe da dire che possano scendere dal lato italiano delle Alpi e poi scorrere lungo l'Appennino verso sud per andare a confondersi con quelli che lo attraversano...lo dico senza nessuna pretesa di azzeccarci...non ho elementi a sostegno... tanto per alimentare la discussione...poi qua ci sono persone ben più ferrate in materia.
Ciao Walt.   p.s. si è verificato quello che temevamo quando si chiacchierava di "politica"

walt46

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 608
    • Mostra profilo
Risposta #1 il: 08/11/2021 - 11:02
BUONGIORNO....Giunge notizia stamane e tutt ora di un imponente passo di ritorno nell immediato ponente Genovese cioé verso est....di solito assistiamo a due giornate similari...con oggi siamo alla quarta....e gli interrogativi si moltiplicano....personalmente ipotizzo che sono popolazioni fra Germnia e Benelux che entrano in Padana...ma potrebbero anche ripartire a volta della Sardegna...Sud Italia.....o Grecia Turchia ??? Un enigma,se qualcuno avesse delle idee...perché no !!!