FORUM Club Italiano del Colombaccio

Rimescolo

  • Sr. Member
  • ****
  • campiglia m/ma
  • Post: 399
    • Mostra profilo
Risposta #129 il: 24/10/2018 - 20:35
Per la precisione i colombacci che non risultano incarnierati da noi sono quelli che hanno una colorazione del becco color panna con sfumature di arancio, collarati e bene in carne, si notano chiaramente le differenze.
I colombacci giovani hanno un becco grigio scuro, senza collare, i roscioli hanno spallacci , senza collare e con petto color mattone, piuttosto brutti....ne abbiamo raccolti 4 o 5.
buona notte
La passera è sempre la passera! Solo la fetta di cocomero fresca ci va vicino.........

Rimescolo

  • Sr. Member
  • ****
  • campiglia m/ma
  • Post: 399
    • Mostra profilo
Risposta #128 il: 23/10/2018 - 19:56
Saluto Enrico e tutti i rilevatori, non so quale valenza scientifica possa avere la mia nota di osservazione, ma voglio ricordare che un contingente di colombacci adulti, collarati con caratteristiche inequivocabili per colorazione del becco e consistenza, mancano all'appello.
Se qualcuno ha notizie di catture, ne sarei grato.
Alla prossima ondata...speriamo....ne sono passati veramente tantissimi
La passera è sempre la passera! Solo la fetta di cocomero fresca ci va vicino.........

Enrico Cavina

  • Sr. Member
  • ****
  • Fabriano ( Ancona )
  • Post: 371
    • Mostra profilo
Risposta #127 il: 23/10/2018 - 08:04
Analisi e Previsione del 23 Ottobre 2018

MCL - Analisi e Previsione del 23 Ottobre 2018
 
Una forte riduzione dei Segnalatori attivi va a condizionare fortemente l’analisi , anche in considerazione di quanto è stato riportato con continuità giornaliera sui Forum . Sarà necessaria una integrazione “contabile” da effettuarsi in seguito per Analisi retroattiva.
 
Dati 2018
 
Avvistamenti 779 ( 691 )
Colombacci 48.580 ( 31.869 )
Altezze medie 102.8 ( 87 m)
 
Tra parentesi sempre i dati di analoga terza fase 2017 ( 23 Ott.)
 
Totali del periodo 1 Ott.- 23 Ott.
 
Avvistamenti 2270 ( 2178 )
Colombacci 122.180 ( 80.285 )
Altezza 80m
 
 
Malgrado gli evidenti aumenti numerici comparativi MCL 2017-2018 , considerando la diminuzione dei Segnalatori attivi confrontata con la partecipazione attiva sui Forum , dobbiamo affermare che MCL 2018 NON RISPECCHIA la realtà quantitativa dell’andamento dei flussi migratori : offre solo un’indicazione di massima e conferma classiche “Direttrici” migratorie sul Centro Italia .
 
Commento ( da MCL - Forum - Comunicazioni personali )
 
La Migrazione è stata imponente , forse come non mai in Italia ,con modalità varie dei “passi” in dipendenza del Meteo - un po’ bizzarro - legati alla Orografia dei territori . Giá intorno a Sabato 20 i flussi a Mugello e sul Golfo Ligure sono stati imponenti , ed il serbatoio della Mesola nonchè i boschi interni costieri Adriatici hanno sfornato e ricevuto ondate di Migratori . Parimenti le osservazioni delle partenze / transiti sulla costa Tirrenica Toscana e Ligure .
L’osservazione frequente di “striscie” in cielo ad altitudini notevoli , così come comunque alla migrazione di contingenti in grandi e grandissimi branchi tutti spinti da furore , ha testimoniato la pienezza della fase migratoria tuttora in atto.
 
Le informazioni raccolte da Denis Bianchi direttamente in Corsica ( ed altre personali ) lasciano presumere che nei giorni 20-22 Ott.2018 sia là arrivato
circa mezzo milione di Colombacci . Le colorite notizie fornite da Walter Porcile analogamente indicano un transito Ligure verso la Francia di centinaia di migliaia di Colombacci .
Questi flussi verosimilmente realizzatisi sia in transito diretto Balcani- Italia-Francia anche senza stop-over sia in voli notturni ( superficie Lunare più del 40% illuminata)
si sono svolti su Direttrici consolidate e su Isobare ( anche in altitudine) al confine tra un ampio corridoio di Alte Pressioni ( aree di origini centro-europee ed orientali ,Nord Italia) ed un nucleo ciclonico e perturbato sull’Italia centrale( Sud) e del Sud propriamente ( eventi alluvionali ) tuttora presente e con turbolenze a macchia di leopardo.
 
PREVISIONE
 
Una certa continuità dei flussi migratori in atto è di certo possibile nei prossimi giorni (24 Luna piena) , considerando che contingenti si sono fermati ed anche la Mesola accoglie e riceve ancora grandi branchi .Una terza ondata è ancora possibile per popolazioni lontane che non sono ancora partite o sono in prolungato stop-over Orientale : su tutte le aree di Origine e sulle nostre aree è previsto un forte concentrato sbalzo di PA tra il 29-30 Ottobre , con valori molto elevati ( oltre 1025 hPa) il 31 Ottobre . Questa condizione - se confermata nei prossimi giorni - potrebbe essere un buon presupposto per un Picco specie il 31 Ott.
 
Riflessione
 
Permane sempre più pesante l’impatto di “non conoscenza” delle Origini delle popolazioni che giungono da noi . Solo conoscendo queste Origini ( leggi Hobson e radioisotopi) potremo interpretare meglio le cadenze temporali ( “ timing”) dei flussi che si sviluppano da noi.
Personalmente ritengo che fin da ora il Club dovrebbe mobilitarsi per stimolare,promuovere,realizzare Ricerche in tal senso su grandi numeri .
Inviato da iPad
Enrico Cavina
ecavinaster@gmail.com

Denis

  • Visitatore
Risposta #126 il: 21/10/2018 - 22:12
Ulteriore notizia dalla Corsica da un altro cacciatore.
Egli mi dice : é successo una cosa tremenda in Corsica . AL che gli dico spiegati meglio e lui risponde dei branchi tra 500 e 3000 colombacci tutto il giorno. Che spettacolo.
Qui il link se riuscite ad aprire Facebook
https://www.facebook.com/denis.bianchi.336/posts/367555323786101?comment_id=367947573746876&notif_id=1540150756988448&notif_t=comment_mention[/font]
[/font]
Buona serata a Tutti, Denis
[/font]

ric

  • Full Member
  • ***
  • Alto Mugello - passo del Giogo
  • Post: 179
    • Mostra profilo
Risposta #125 il: 21/10/2018 - 22:11
Ciao Denis, Rimescolo ha dato un'idea sui colombi della Corsica,vedi il suo post,precisando che personalmente non so se i colombi che transitano dall'isola d'Elba si dirigono verso la Corsica o piegano verso la Sardegna. Entrati anche dalla Liguria,venerdì e ieri sull'Appennino ne sono transitati decine di migliaia, veramente tanti. Restano un mistero i colombi che da Mesola oggi sono spariti, credo che con il lume di luna possono spostarsi nelle pianure ma pensi che riuscirebbero a valicare anche L'Appennino? Vediamo se Enrico riuscirà a darci una previsione su eventuali corridoi di alta pressione che si potrebbero creare verso l'Adriatico,sempre ammesso che ci siano ancora contingenti che devono arrivare..buonanotte

Denis

  • Visitatore
Risposta #124 il: 21/10/2018 - 18:43
Enrico ti allungo qui notizie attendibili dalla Corsica .
Mi sono state date da Louis Matteoli che risiede in Corsica ( cacciatore ed anche organizzatore di caccia al colombaccio in Irlanda)


E da domenica scorsa che è iniziato l'ingresso dei colombacci in Corsica con una sospensione causa maltempo e ripresa da venerdi scorso di pomeriggio.
Ieri e oggi grande sbarco di colombacci con branchi di 400/500/1000 unità.
Oggi hanno incominciato ad entrare alle ore 8,00 di continuo fino alle ore 15,00.


Vedi tu se ricollegandoti anche a  Mesola la cosa può essere utile.
Ciao, buona serata a Tutti, Denis

Enrico Cavina

  • Sr. Member
  • ****
  • Fabriano ( Ancona )
  • Post: 371
    • Mostra profilo
Risposta #123 il: 16/10/2018 - 15:04


Inviato da iPad

Inizio messaggio inoltrato:

Da: enrico cavina <ecavinaster@gmail.com>
Data: 16 ottobre 2018 14:47:22 CEST
A: Enrico <ecavinaster@gmail.com>
Oggetto: Analisi 16 Ott.

MCL analisi 16 Ottobre

Iniziamo questa analisi riportando integralmente quanto scritto su Colombaccio Scientifico il 8 Agosto ( previsione Climatologica )
“Gli sbalzi previsti 2018 di PA in aree di origine e di transito sembrano indicare due principali periodi di maggior migrazione dal 10 al 18 Ottobre ( negativa sull’Italia la possibilità di periodi piovosi ) e dal 25 al 30 ( non perturbazioni su Italia ).”
Ulteriori previsioni indicavano la data del 10 Ottobre valida per l’inizio di migrazione intensa .
Così è stato .

Partiamo ora dai numeri MCL 2018 ( tra parentesi riferimenti 2017)  dal 10 al 16 Ott. , tenendo sempre presente la precedente Analisi 9 Ott.

Avvistamenti 1261 ( 772 )
Colombacci 67.045  ( 26483 )
Altezze (m) 90,8(80)

Poi assommiamo  globalmente 1 Ottobre- 16 Ottobre :

Avvistamenti 1491 ( 1577 )
Colombacci. 73.600 ( 80.285 )
Altezze (m) 80m

Come da più parti segnalato sul Forum il carattere di “ non confidenza” al “gioco” dei Capannisti , è stato predominante .
Altro carattere da rilevare : scarsissima o assente la migrazione di altri Migratori , in particolare Fringuelli e Tordi .

Il confronto numerico - pur significativamente indicativo dell’andamento generale della Migrazione - risulta chiaramente gravato dalla riduzione importante delle Segnalazioni  MCL attive nel periodo globale 1-16 Ott.

Globali periodo : 309 ( 2017 ) - 160 ( 2018 )
Media giornaliera  : 25,7 (2017) - 14.5 ( 2018 )

I dati raccolti indicano chiaramente come il primo periodo è stato caratterizzato da importante migrazione nel 2017 e molto meno nel 2018 . Il contrario nel secondo periodo .
È interessante fare anche riferimento sulla Rotta Scandinavo - Baltica ( Falsterbo) dove l’andamento è stato analogo nei due periodi ( 1-9 / 10- 16 Ott.) : molto significativo il Picco registrato 13-15 Ott. ( previsto una settimana prima ) con 124.000 transiti di massa . Il transito totale della prima metà di Ottobre è stato di 247.000 rispetto alla media pluriennale di 295.000 ( decremento del 16,3 % ) .

I dati 2018  raccolti in Italia si allineano PERFETTAMENTE a con i dati i grafici prodotti in
THE RING 40 (2018) 10.1515/ring-2018-0001
THE GENERAL PATTERN OF SEASONAL DYNAMICS OF THE AUTUMN MIGRATION OF THE WOOD PIGEON COLUMBA PALUMBUS IN ITALY
Enrico Cavina, Rinaldo Bucchi and Przemyslaw Busse
Dove alla fig. 7 il grafico evidenzia intensità e Picchi intorno 10-13 Ott. per i dati raccolti da Rinaldo Bucchi per 10 anni sino al 2007 . Purtroppo non sono stati mai utilizzabili i dati raccolti dopo il 2007 .

   (Fig. 7. Left panel: day-by-day total seasonal pattern of migration – numbers: bars – average daily numbers of pigeons (per station and day) for the whole 1998-2006 period, expressed for year as percentage share of the yearly total, line – daily data smoothed by 5-day moving average.)

Commento analitico : non appena instauratasi una vasta area di Alta-Altissima P.A. sulle aree di origine della Rotta Orientale , protrudendosi in corridoio isobarico sino in Istria-Balcani-Adriatico-Italia le grandi popolazioni orientali si sono mosse in Migrazione piena decise anche a stravalicare  l’Italia ,così come confermato dagli arrivi massicci in Corsica a partire dal 11 Ottobre ( abbiamo un Corrispondente molto attivo in Corsica ) .
Nello stesso tempo le grandi e violente perturbazioni ed aree cicloniche su Mediterraneo Sud -Occidentale ( alluvioni in Sardegna ) e su Francia Sud - Occidentale hanno mantenuto influenze negative sulla stabilità atmosferica generale.
Questa instabilità ha influenzato anche le evoluzioni notturne e giornaliere mattutine delle nebbie e venti - per più deboli o molto deboli -  sulle valli ed orografia globale del Centro Italia , dove i “passi” hanno assunto caratteristiche definite da molti “ strane” con flussi intensi ad esempio su una Direttrice valliva e di Valico ed allo stesso tempo scarso o nullo “passo” su una valle accanto a distanze minimali ( 500-2000 m. ) anche con differenze direzionali di venti lievi o moderati . In sintesi : non si sono create le condizioni per corridoi isobarici  stabili e diffusi su grandi aree ( come fu nel 2017) , a quote medio-basse , mentre spesso invece queste condizioni ci sono state per corridoi in altitudine sopra i 150- 300 metri scelti - così come è stato anche in Liguria e sul mare - da grandi branchi in Migrazione decisa verso Occidente .
Il primo grande flusso c’è stato - anche con imponente entratura a Mesola e dintorni - pur andando a sbattere contro il meteo sfavorevole sul Mediterraneo Occidentale .
Una parte importante delle popolazioni arrivate è in stop-over : attendiamo oggi 16 Ottobre la verifica di Denis Bianchi a La Mesola .

Previsione

Le previsioni di migrazione si basano sulle previsioni meteo ed in particolare P.A . ed isobare  : le previsioni meteo ancor oggi cambiano continuamente nelle proiezioni di più di 5 gg. e questo impedisce una ns. analisi previsionale .
In linea di massima focalizzandoci solo alle nostre aree di entratura ( Balcani e dintorni ) abbiamo una condizione abbastanza stabile di Alta PA. Intorno a 1020 hPa  senza grandi sbalzi sino al 26 Ottobre quando dovrebbe abbassarsi notevolmente sino a 1005 hPa per poi rialzarsi repentinamente anche di oltre 20 hPa dal 28-29 Ott.  ( Istria,Zara ed anche Mesola ) . Se così fosse tenendo presente anche la Luna piena del 24 Ott.  , già prima intorno 20 Ott. potrebbe esserci l’inizio di una seconda ondata migratoria più o meno continua , poi più intensa negli ultimissimi giorni di Ottobre .  Più complessi metodi ( eurometeo.com)  di previsione Meteo evidenziano possibile inserirsi di una Isobara elevatissima ( 1030hPa) su tutta l’area Europea di Porta Morava e Porta Orientale d’Italia ( Friuli) già il 24.Ott. poi rapidamente estesa sull’area Veneta - Emilia Romagna il giorno dopo 25 Ott.  . Se così fosse - pur dipendendo dalla quantità di popolazioni rimaste in stop-over a Mesola e dintorni - il 24 ( Luna piena) o 25 potrebbero avvenire involi di massa .
Come ripeto , l’insicurezza stessa delle previsioni meteo limita fortemente possibilità di previsione dei giorni migliori per la Migrazione .
Molti ci chiedono direttamente via Email ,ma al momento non sappiamo dire di più : se ci saranno previsioni Meteo più sicure ed incisive a tre gg. , provvederemo altrimenti forse  vale ancora la previsione strettamente CLIMATOLOGICA espressa su Colombaccio Scientifico - pensate un po’ - l’8 Agosto !

“Gli sbalzi previsti 2018 di PA in aree di origine e di transito sembrano indicare due principali periodi di maggior migrazione dal 10 al 18 Ottobre ( negativa sull’Italia la possibilità di periodi piovosi ) e dal 25 al 30 ( non perturbazioni su Italia ).”

In bocca al lupo .

Inviato da iPad
Enrico Cavina
ecavinaster@gmail.com

Enrico Cavina

  • Sr. Member
  • ****
  • Fabriano ( Ancona )
  • Post: 371
    • Mostra profilo
Risposta #122 il: 09/10/2018 - 04:09
MCL analisi al 9 Ottobre 2018 & Previsione
 
MCL si è avviato al piccolo trotto fortemente condizionato dalla pochezza della Migrazione e dei “passi” .
Abbiamo avuto nuove iscrizioni ma la partecipazione attiva rimane scarsa .
 
MCL per il profilo strettamente scientifico rimane “ Ricerca sperimentale”.
 
Abbiamo avuto qualche polemica per la non-più-attiva Mappa con i pallini corrispondenti ai Segnalatori : ciò era stato deciso per via di violazione della privacy da parte di “sparatori” occasionali affollati intorno agli Appostamenti più “baciati” dal “ passo “. Si sta provvedendo a correggere per dare visibilità “live” alle “Direttrici” di passo secondo come si sviluppano durante la giornata : non più localizzazione precisa della posizione del Segnalatore , ma raggruppamento in un raggio di circa 20 km . Potranno esserci errori di rappresentazione tipo “ pallini in mare “ ma invitiamo tutti ad essere tolleranti : l’idea della Direttrice evidenziata ci sarà e potrà dare un indicazione “live” corretta della intensità su quelle”rotte migratorie”. Questa impostazione dovrebbe essere attiva a partire da Mercoledì 10 pv.
 
La Migrazione di questa prima parte di Ottobre2018 è stata decisamente scarsa condizionata da condizioni del Meteo instabili,variabili anche con varie intensità di fenomeni sia nelle lontane aree di origine sia in Italia a varie latitudini e longitudini .
Qui i numeri globali 2018 e tra parentesi il confronto con lo scorso anno .
 
Avvistamenti 230 (805)
Colombacci 6555 ( 32.802)
Altezza -media- 70m ( 77m)
 
Abbiamo più completezza di Segnalatori sulle Direttrici trans-Appenniniche sino ai terminali Populonia ,Argentario,Corsica . Molto attiva la connessione con le informazioni aggiornate quotidianamente sui Forum Regionali. Ricordiamo a tutti di iniziare a raccogliere le interiora dei Colombacci abbattuti per lo studio dei Parassiti .
 
https://www.ilcolombaccio.it/CMS/parassiti/
 
Come più volte sottolineato nello scorso anno 2017 il mese di Ottobre è stato caratterizzato da un quasi permanente corridoio di Alte Pressioni dalle aree di origine Nord-Orientali ed Orientali giù giù lungo tutto il Centro Europa sino all’area Mediterranea ( Italia compresa) e Penisola Iberica .Tutto ciò ha dato permanente stato di STABILITÀ ATMOSFERICA , senza grandi o diffuse turbolenze .( vedi pagg. 193-195 del Libro “La Migrazione autunnale del Colombaccio in Italia “ Ed. Aracne Editrice - Roma )
 
https://www.ilcolombaccio.it/CMS/il-libro-come-acquistarlo-precisazioni/
 
Questo anno 2018 non è stato così , ma le pur presenti aree/corridoi di Alte Pressioni si sono trovati circondati in tutta Europa da variabili nuclei di Basse Pressioni anche in termini di aree a circolazione ciclonica e gravati dal passaggio da Occidente ad Oriente di perturbazioni , anche localmente violente. Tutto ciò ha determinato condizioni quasi permanenti e diffuse di TURBOLENZA. ATMOSFERICA.
Ne fanno fede - nella nostra area - eventi estremi quali 7 trombe d’aria/ tornadi verificatesi Domenica 7 lungo le nostre coste mediterranee . Anche Lunedì 8 mattina bastava guardare l’evolversi ascensionale delle nebbie costiere ed ancor più vallive , per rendersi conto della variabile diffusione di queste turbolenze sia trasversali ai crinali sia ascensionali ( effetti orografici) . Quindi assenza di corridoi isobarici stabili quali preferenziali per i Migratori a volo battente come i Colombacci ( risparmio energetico).
È molto verosimile che questa condizione atmosferica più o meno diffusa in tutta Europa e Paleartico Occidentale , sia stata decisiva nel limitare le partenze migratorie - e ciò è valso per tutte le Specie migratrici - nel contesto della complessa ecologia sensitiva migratoria ( fattori biologici ed abiotici , incluse condizioni delle foreste e culture agricole intensive ) ) , pur ravvisandosi in queste condizioni le forze di stimolo ai primi movimenti ( vedi Mesola 6 Ottobre ) quali sporadicamente si stanno verificando.
Val la pena di sottolineare i dati di Falsterbo Svezia :
questo anno 2018 , 52570 transiti sino 8 Ott. rispetto alla media pluriannuale 295.000, ed anche più specificatamente rispetto 3-4-5 Ott. 2016 con 263.900.
 
In definitiva le condizioni di instabilità atmosferica diffusa hanno indotto i Migratori a ritardare le partenze : loro hanno capacità biologiche anatomo-funzionali sensitive capaci di sintetizzare tutti i vari fattori che possono/devono favorire lo sforzo migratorio che li attende .
Per noi - pur sempre meno dato l’evolversi della Ricerca - tutto ciò rimane un Mistero, per loro no .
 
PREVISIONE
 
Come più volte anticipato in precedenti Previsioni ( Colombaccio Scientifico,Forum) dopo il 10 Ottobre dovrebbero instaurarsi condizioni di Alta Altissima Pressione Atmosferica ( oltre 1030 hPa) che dalle aree di origine vanno estendendosi con isobare previste fisse a 1020 hPa sino ai Balcani ( Istria compresa dal 10 al 14 Ott.) ed Italia ( Porta Orientale d’Italia ) al 14 Ottobre.
 
http://www.eurometeo.com/italian/gfs-wz/jump_SLP,G500,T500-ripilogo%209%20giorni-00
 
Se questo corridoio isobarico esteso si manterrà tale senza grandi influenze negative di passaggi di perturbazioni Atlantiche ( non cicloniche ) , potranno realizzarsi le condizioni per Picchi,ondate,massicci involi e transiti sulla nostra Penisola , essa stessa poi , la nostra penisola - non smetteremo mai di ricordarlo - condizionata dai Meteo locali e connessa orografia geo-fisica.
 
L’andamento delle ondate migratorie in Italia è stato esposto in dettaglio anche statistico pubblicato su Rivista scientifica Internazionale
 
THE RING 40 (2018) 1..0.1515./ring-2018-0001
 
THE GENERAL PATTERN OF SEASONAL DYNAMICS OF THE AUTUMN MIGRATION OF THE WOOD PIGEON COLUMBA PALUMBUS IN ITALY
Enrico Cavina, Rinaldo Bucchi and Przemysław Busse
 
 
 
 

Inviato da iPad
Enrico Cavina
ecavinaster@gmail.com

federic

  • Newbie
  • *
  • Post: 14
    • Mostra profilo
Risposta #121 il: 08/10/2018 - 08:49
buongiorno
stamani non siamo saliti sul capanno per impegni lavorativi delle truppe
e anche perche' in due giorni a parte l'acqua e il vento risultato molto scarso, direi nullo , con avvistamenti vicini allo zero . Aspettiamo fiduciosi, anche se stamani mi parrebbe tempo migliore e promettente.
cmq ho scritto su MCL forum per segnalare che a parte essere concorde con Carlos per quanto scrive ed anche con le limitazioni alla localizzazione precisa dei capanni, onde evitare invasioni e danni , che inducono a non partecipare ai censimenti utili a tutti. Certo è che questo lo capiscono bene i passionisti e i veri amanti della caccia e dell'uccello blu, mentre altri assatanati dal mazzo e dallo sparo, non si riguardano da scorrettezze e danneggiamenti ai colleghi.
Visto questo faccio notare che la dislocazione dei capanni era molto apprezzata e utile, ma deleteria per quanto esposto sopra, pero' avere un riferimento almeno su quanti segnalatori attivi ci sono nella giornata, darebbe una migliore dimensione del passo e della consistenza sui vari settori.
Mi permetto di suggerire che nelle colonne " avvistamenti " fra parentesi metterei il numero dei segnalatori attivi in quel settore nella giornata,
per dare corpo e dimensione al rilevamento e alla consistenza del passo.
Avrei suggerito un semplice dato fra parentesi in preesistente spazio, per evitare modifiche alla struttura del sito e all'archiviazione dati, in modo da non far gravare economicamente la modifica. Poi in seguito si potrebbe fare una colonna " segnalatori attivi " che farebbe comprendere bene la consistenza del passo e le medie di avvistamenti.
Grazie e saluti a tutti , con un IBAL per le giornate sul capanno.

Carlos

  • Full Member
  • ***
  • Moscosi-Cingoli
  • Post: 168
    • Mostra profilo
Risposta #120 il: 03/10/2018 - 15:02
Concordo pienamente con quello che sostiene Denis. La visione in tempo reale sulla cartina ritengo fosse assai importante per la partecipazione, e piacevole da consultare. Se ci sono motivazioni di altro genere potremmo parlarne e vedere cosa fare, ma la motivazione addotta mi sembra davvero debole. In un mondo dove tutto è social che tre capanni sperduti siano stati assediati a motivo delle informazioni del forum mi sembra per lo meno "originale". E comunque, se questo è il problema, personalmente penso fosse stato meglio perdere due segnalatori che la prestazione "Live". Questo proprio perchè essendo l'iniziativa indirizzata allo studio della migrazione, più è attraente come applicazione e maggiore, secondo me, la potenziale partecipazione.
Personalmente continuerò a fornire i dati, ci mancherebbe altro, ma quasi sicuramente lo farò con tranquillità a casa, (visto che inviare dati nei momenti di passo non è semplicissimo e privo di rischi) e forse qualche dettaglio importante si perderà rispetto al vecchio metodo. Se ci fosse spazio per una rivalutazione della cosa non sarebbe male.
Buon lavoro a tutti

Denis

  • Visitatore
Risposta #119 il: 03/10/2018 - 04:39
Vasco, penso che per qualche appostamento sconosciuto (ci credo difficilmente) oramai scoperto si poteva benissimo lasciare il mondo come stava.
Ripeto,a mio avviso nessun appostamento  è sconosciuto e le cause ad ogni modo non derivano da MCL.
Fate un po come vi sembra. Se darò indicazioni in MC (da adesso in poi va chiamata MC e non MCL)sarà di sera se il sistema funziona dopo le ore 20 visto che ho il collegamento telef. altalenante. Scientificamente andrà bene lo stesso.
Se così privato deve rimanere il mondo della caccia così sia.
Ciao, Denis.

Vasco

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1236
    • Mostra profilo
Risposta #118 il: 03/10/2018 - 00:48
Caro Denis nessuno ha influenzato Enrico, il problema ci è stato fatto notare alla fine della scorsa stagione venatoria, con Enrico ci siamo sentiti più volte anche con Marco per risolvere nel modo migliore il problema.

La grafica di MCL è anche condizionata dal sistema cartografico che google permette di attuare, non è così semplice come pensi contenere i costi di impostazione e di implementazione del sistema, la nostra disponibilità purtroppo è sofferente, tu conosci la situazione, in molti casi ci mettiamo le mani in tasca per mantenere la baracca...., se ci sarà la possibilità di migliorare MCL si farà più di quanto è stato fatto che non è poco.
 
Purtroppo si sono verificate intrusioni di cacciatori in luoghi dove mai si erano visti prima e in prossimità di appostamenti fissi al colombaccio difficilmente raggiungibili in luoghi quasi sconosciuti.

La vecchia impostazione di MCL consentiva, anche se in maniera approssimativa, di localizzare la posizione degli appostamenti, alcuni utenti si sono defilati dal segnalare proprio per timore di disturbo, a riprova la modesta partecipazione in percentuale agli iscritti 20%.

Gli ultimi giorni di settembre ho registrato un notevole incremento di futuri segnalatori, MCL come ha ricordato Enrico ha il solo fine di Ricerca, se la grafica è meno esaustiva  della precedente farò il possibile per migliorarla tenendo conto però di rispettare la privacy dei segnalatori, cosa di non poco conto.

Denis il Club, il forum, le iniziative a scopo scientifico, le Tue segnalazioni di Mesola sono, per i cacciatori di colombaccio, come l'acqua santa per il prete, quindi........vedi un pò.....

Un abbraccio
Vasco
« Ultima modifica: 03/10/2018 - 00:50 da Vasco »

Denis

  • Visitatore
Risposta #117 il: 02/10/2018 - 22:45
Non voglio fare la guerra ad Enrico ma bensì a chi lo deve avere influenzato a pensare che fossero nel giusto coloro che si son lamentati di privacy in MCL.
Non mi sembra giusto la scomparsa della cartina geografica per colpa di qualche appostamento APPARENTEMENTE SCOPERTO anno scorso per colpa di MCL ( ma che bufala é mai questa ?).
Non è sicuramente colpa di MCL che opportunisti si vanno a mettere nelle vicinanze di un appostamento di caccia al colombaccio sopratutto in questi ultimi anni visto che il colombaccio è rimasto uno dei pochi selvatici nobili cacciabili.
Se avessi io bisogno di conoscere un luogo dove cacciare colombacci facendo il parassita non avrei sicuramente bisogno di MCL. Figuriamoci !!!
Gli appostamenti sono oramai in ogni luogo, i titolari e soci parlano dei carnieri e magari li inseriscono pure su Facebook. gli appostamenti sono ben visibili e riconoscibili da lontano e sopratutto in regioni dove vengono utilizzati decine e decine di volantini, inoltre gli appostamenti sono pure super tabellati, ben troppo rumorosi per non essere scoperti da chiunque.
Pensate un pò ad un eventuale cacciatore parassita se gli può sfuggire tutto ciò.
eccc.   e ecc....
Ma davvero uno si andrebbe ad appostare il giorno dopo nelle vicinanze di un appostamento perchè il giorno prima ha saputo tramite MCL che son passati i colombacci ???????
AH si, è vero perché la notte tornano indietro ed il giorno successivo ripassano di lì !!!!
MA dai !!!
Mi raccomando allora non partecipiamo più a nessun monitoraggio tipo MSM o monitoraggio invernale perché si scoprono i luoghi di caccia e saremmo tutti insieme in un unica zona di caccia: la migliore.
Non torno indietro sulle mie decisioni.
Evviva la privacy degli appostamenti.... che pianto!! che tristezza!!!
Buona sera.

Rimescolo

  • Sr. Member
  • ****
  • campiglia m/ma
  • Post: 399
    • Mostra profilo
Risposta #116 il: 02/10/2018 - 21:18
Sono daccordo con Denis, ogni cacciatore di colombacci conosce luoghi e condizioni climatiche favorevoli alla migrazione autunnale e si muove di conseguenza. Le circostanze soggettive non dovrebbero fuorviare dal progetto primario, o togliamo "live" e la sera facciamo un resoconto a posteriori oppure riproponiamo la segnalazione passata. Non credo che Denis per ritorzione non segnali l'importante situazione su Mesola....
Domani e giovedì ci sono tutte le premesse per l'inizio della migrazione, in bocca al lupo a  :D tutti
La passera è sempre la passera! Solo la fetta di cocomero fresca ci va vicino.........

Denis

  • Visitatore
Risposta #115 il: 02/10/2018 - 20:35
Denis, sono perfettamente d'accordo con il "prof". Anche io l'anno scorso ho avuto problemi. Anzi sul Regionale cercherò di essere evasivo nelle indicazioni dei luoghi visitati. Solo con gli svernanti potrò essere più preciso.
Oggi Ti ho cercato al telefono, ma non hai risposto.
Lorenzo
Tu Lore hai avuto altro genere di problemi nel senso che gli altri non vogliono fare sapere la situazione a Rovigo.
Ora siccome a me potrebbe capitare la stessa cosa x Mesola vorrà dire che Denis sarà ben più che evasivo anzi non faccio sapere più nulla.
Ciao Lore ci vediamo venerdi.