FORUM Club Italiano del Colombaccio

Carlos

  • Full Member
  • ***
  • Moscosi-Cingoli
  • Post: 171
    • Mostra profilo
Risposta #4 il: 21/08/2014 - 11:19
Già, rispetto.
Vicino a me c'è una casa colonica che sotto il tetto aveva almeno 10 nidi.
E' stata venduta l'anno scorso.
La prima cosa che il nuovo proprietario ha fatto è stato distruggere i nidi perchè le rondini sporcavano per terra.

giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1330
    • Mostra profilo
Risposta #3 il: 20/08/2014 - 22:06
Già, fin da piccoli eravamo educati dai "vecchi" a rispettare la rondine, come fosse un qualcosa di sacro, e guai a chi la toccasse.
Si, ne sono certo, la rondine ritorna ogni anno la dove ha potuto nidificare ed allevare indisturbata  e con abbondanza di cibo e con successo la propria prole, nello stesso posto e nello stesso nido o vicino.
Ricordo ancora quando, bambino e poi ragazzetto, andavo a tastare i nidi sopra le travi della piccola e bassa porcilaia, 4-5 ed anche sei uova che si trasformavano immancabilmente in voraci nidiacei prima, e poi in rondinini stupendi.
Si, da ragazzetti di campagna, di danni ne facevamo molti, ma mai toccato una rondine, era una sacralità inculcata ed inviolabile.

Dove abito ora, venne un anno una coppia, allevò con successo, tornò gli anni seguenti ed in compagnia. Arrivarono a quattro nidi, quando i rondinini spiccavano il volo, la sera era uno spettacolo, 20-25 tutti in fila sul cavo della rete elettrica a pochi metri dalla casa.
Poi disgraziatamente un anno subirono reiterati attacchi di rapaci notturni, persero più volte uova, nidiacei e nidi. Non riuscii mai ad individuare il-i responsabile-i. Un paio di coppie ritornarono ancora ma, dopo essere state depredate di nuovo, non vi fecero più ritorno.
Me ne dolgo ancora. Sarei dovuto essere stato più vigile.

Vasco

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1277
    • Mostra profilo
Risposta #2 il: 20/08/2014 - 21:33
Caro Giorgio2 purtroppo non tutti si comportano come fece Marsilio, anzi, e le rondini come altri uccelli che subiscono << l'uomo >> sono in forte sofferenza.

Era usanza dei vecchi contadini lasciare le cove delle rondini nelle stalle, purtroppo cambia tutto, secondo me in peggio, non c'è più rispetto per nulla e per qualche "cacchetta che sporca" si mobilita addirittura la USL.

Forse perché annunciano la primavera, la stagione amata da tutti, sono animali che suscitano simpatia; nell'antica Grecia, erano considerate addirittura sacre, quando all'inizio della primavera vedo la prima rondine nel cortile di casa mia mi si apre il cuore.

Purtroppo non sempre hanno vita facile, da qualche anno a causa di una serie di cambiamenti che hanno caratterizzato gli ultimi decenni, ho notato un calo delle popolazioni di rondini e di altri uccelli comuni legati agli ambienti rurali. Basti pensare all'intensificazione delle pratiche agricole, accompagnata dall'uso indiscriminato di insetticidi, all'inquinamento dell'aria e dell'acqua, all'espansione delle aree urbanizzate ed industriali, all'abbandono di montagne e colline un tempo coltivate.
 
Grazie Giorgio2, sono "gesti" che solo le persone sensibili non possono dimenticare, mai, Tu lo hai ricordato.
Un abbraccio.
vasco

Giorgio2

  • Newbie
  • *
  • Post: 2
    • Mostra profilo
Risposta #1 il: 20/08/2014 - 16:07
Anni orsono in tempo di arrivo delle rondini, mi trovavo in collina, alle porte di Arezzo per fare due parole con l' amico Marsilio, vecchio Lepraiolo, ma anche Capocaccia di una locale squadra di Caccia al Cinghiale. Parlavamo del più e del meno, ma sempre di Caccia, nell'aia del suo podere, davanti alla porta della stalla dove nel periodo autunno inverno venivano e vengono ricoverate le chianine che Marsilio alleva. Una rondine garriva con insistenza volteggiando sopra le nostre teste:impossibile non notarla! Mi venne naturale chiedere a Marsilio la ragione di quel comportamento...."Marsilio, ma quella rondine?....." Stai a vedere rispose e aprì la grande finestra che sormontava la porta di ingresso della stalla. La rondine vi si infilò di getto e dopo poco ne uscì. Marsilio mi mostrò l' interno della stalla nel cui soffitto, attaccati sui travi in cemento vi erano diversi nidi di rondine degli anni precedenti. Quello che mi aveva mostrato era esperienza già vissuta negli anni precedenti. Quella rondine conosceva quel posto? Era nata lì? Vi aveva già nidificato? Era la stessa che anni indietro aveva mostrato a Marsilio quanto poi lo stesso con estrema sicurezza aveva spiegato e mostrato a me?