FORUM Club Italiano del Colombaccio

Rimescolo

  • Sr. Member
  • ****
  • campiglia m/ma
  • Post: 401
    • Mostra profilo
Risposta #8 il: 17/04/2014 - 22:11
Rinnovo a Terfiro il benvenuto, e apprezzo il tono e il contenuto della lettera. Spero e auguro che la missiva raggiunga il C.C.T affinchè ne faccia uno strumento di battaglia etica, di morale e tradizione.
Sicuro che Picchi saprà valorizzarla, i miei più sinceri auguri.
Rimescolo
La passera è sempre la passera! Solo la fetta di cocomero fresca ci va vicino.........

DottorPurgone

  • Newbie
  • *
  • Post: 49
    • Mostra profilo
Risposta #7 il: 17/04/2014 - 13:41
DA APPASSIONATO E CULTORE DELLA CACCIA AL CAPANNO CON RICHIAMI VIVI,APPROVO PIENAMENTE LE OTTIME CONSIDERAZIONI DEI DUE AUTORI,NEL CONFUTARE LE TESI FALSE PRETESTUOSE ANTISCIENTIFICHE DELLA LIPU E DELLE ALTRE ASSOCIAZIONI DI ANIMALARI.A QUESTO PUNTO ,QUESTA OTTIMA LETTERA,CONDIVISIBILIE PIENAMENTE,DEVE ESSERE ASSOLUTAMENTE PUBBLICIZZATA,A TUTTI I LIVELLI,SINO ALGLI ORGANI DI PARTITO,ALLE COMMISSIONI AGRICOLTURA ED AMBIENTE DEL PARLAMENTO.NON DIMENTICHIAMO,GLI ORGANI DI STAMPA,PERLOMENO QUELLI OBBIETTIVI E NON TALEBANI.ANCHE LE AAVV DOVREBBERO SFRUTTARE QUESTI ARGOMENTI.DOBBIAMO RIUSCIRE A FAR COMPRENDERE ALL'OPINIONE PUBBLICA,QUEL CHE IN REALTA' SIAMO,COME CACCIATORI ED AMBIENTALISTI,NON COME CI FANNO APPARIRE FALSI ED IPOCRITI PERSONAGGI LONTANI DAL MONDO DELLA NATURA,CHE CON I LORO COMPORTAMENTI E AZIONI DANNEGGIANO L'AMBIENTE NEL SUO DELICATO EQUILIBRIO.COME ESEMPIO CITO L'ASSURDA TUTELA DELLE SPECIE ANIMALI ALLOCTONE.AL FINE DI TUTTO CIO' MI AUGURO CHE QUESTA LETTERA POSSA ESSERE IL VIATICO DEL NOSTRO RISCATTO DI CACCIATORI LEGATI ALL'AMBIENTE E VERAMENTE INTERESSATI ALLA SALVAGUARDIA DEL MEDESIMO,UTILIZZANDO ANCHE LA NUOVA SENTENZA A MAGGIRANZA DEL PARLAMENTO EUROPEO CHE LEGITTIMA E DIFENDE LA CACCIA CON L'USO DEI RICHIAMI VIVI.PURTROPPO TUTTAVIA LA FELICITA'PER QUESTA ULTIMA NOTIZIA POSITIVA,E' SMORZATA DALLA BRUTTA NOTIZIA CHE IL PD HA CANDIDATO ZANONI NUOVAMENTE,ALLE ELEZIONI EUROPEE,SENZA TENERE CONTO DEL SUO'ESSERE UN   RICICLATO ,E DI ESSERE CAUSA DI TANTI PROBLEMI CREATI ALL'ITALIA,CON UNA POLITICA FATTA DI MENZOGNE,FALSITA',CHE IL PARLAMENTO EUROPEO,VEDI ULTIMA RISPOSTA,HA SEMPRE BOCCIATO.A CHI SERVE QUESTO SOGGETTO?COMUNQUE VOGLIO COMPLIMENTARMI CON GLI AUTORI DELLA LETTERA ED AUGURARE A TUTTI UNA BUONA PASQUA

alessiotroni

  • Newbie
  • *
  • GR 8, Orbetello
  • Post: 25
    • Mostra profilo
Risposta #6 il: 17/04/2014 - 13:06
Condivido come Cacciatore , ma anche come semplice cittadino lo scritto di Terfiro e del Presidente Picchi e vorrei anche aggiungere ritornando sull'unità dei Cacciatori che queste battaglie si combattono assieme come è stato ben evidenziato sulla lettera, nella quale si parla di TUTTI i richiami vivi, e questo non vale solo per i richiami, ma vale per i capanni ed anche tutto il resto che accomuna la nostra passione; unità ed aggregazione dove si può fare emergere i nostri cavalli di battaglia per non solo fronteggiare ma anche rispondere a chi ci accusa sempre più frequentemente.
Crederci e provarci non è impossibile, ri-iniziamo anche confrondandoci ai vari raduni etc.
Un Augurio di Buona Pasqua a tutta la categoria  dei Cacciatori  ed alle vostre famiglie.
Alessio

simone

  • Newbie
  • *
  • Post: 9
    • Mostra profilo
Risposta #5 il: 17/04/2014 - 12:53
Complimenti e piena solidarietà non si potevano usare parole migliori e comprensibili per focalizzare il problema e fare chiarezza

Riga68

  • Newbie
  • *
  • Post: 4
    • Mostra profilo
Risposta #4 il: 17/04/2014 - 09:54
Complimenti al Sig. Terfiro e al Presidente Picchi!!!
Bellissimo scritto.

gigino

  • Full Member
  • ***
  • Post: 166
    • Mostra profilo
Risposta #3 il: 17/04/2014 - 09:36
bene bene.vedo che qualcosa comincia a muoversi,complimenti al sig.terfiro e al nostro presidente silvestro per lo scritto facilmentre significativo e comprensibile a tutti.ciao

colombaiosenese

  • Sr. Member
  • ****
  • Post: 465
    • Mostra profilo
Risposta #2 il: 17/04/2014 - 07:06
Scritto sicuramente da chi AMA sopra ogni cosa la caccia al capanno !

Ci sono passaggi e punti rilevanti..gestualità e tradizioni associate a  visioni futuristiche su cui riflettere !

Complimentoni sig.Innocenti Terfiro e al gran collaboratore Picchi Silvestro !


Terfiro

  • Visitatore
Risposta #1 il: 16/04/2014 - 22:29
Prima di partire con la lettera di osservazioni che ho sottoscritto, è mio diritto farvi pesare quanto è inaccettabile l’offesa e l’umiliazione che siete stati in grado di procurare, con i vostri scritti e le vostre dimostrazioni,  alle  persone che come me detengono i richiami vivi  come se fossero elementi di famiglia e che non avrebbero nessun problema a sottoporli  a verifiche anche veterinarie per dimostrare il benessere dei propri animali. Tengo a precisare che le offese e le indignazioni non  hanno colpito soltanto chi ha gli  uccelli in gabbia ma anche allevatori,  possessori di colombi e piccioni da palco, non che anatidi per lago.  Limitandomi alle considerazioni sulle vostre battaglie  metto in evidenza il metodo falso e vergognoso dei vostri comportamenti e ne evidenzio le osservazioni sotto citate. Ogni detenzione di ogni specie animale, adottata da parte dell’uomo, concettualmente ed etologicamente ne include la incompatibilità naturale.  Non  si riscontra nessuna differenza nel detenere un cane o un cavallo in un box o un cane o un gatto in un appartamento di pochissimi metri quadri rispetto ad un uccello detenuto in una gabbia sufficientemente larga, ben nutrito, in ottima salute  e dove può svolgere tutte le sue funzioni fisiologiche.  L’allevamenti di colombi, piccioni , tordi e quant'altro a scopo di  richiamo, non hanno nessuna differenza da quelli di pappagalli o canarini, ma siccome sono legati all'attività venatoria,  che di giorno in giorno cercate di demolire perché quello è il vostro scopo, li strumentalizzate con le menzogne più elaborate e li ponete come immagine negativa per un impatto emotivo di fronte a chi non ne conosce ne  le dinamiche ne le realtà, rappresentandoli   come una attività quasi criminale. Vi accanite contro la detenzione e l’uso di questi ,  usando parole ed immagini  ignobili,  trasmesse tramite i mass media a voi compiacenti.  Offendete e diffamate citando delle metodologie di un tempo che fu,  pur essendo nella piena consapevolezza,  agli altri nascosta, che oggi giorno non avrebbe nessun senso adottarle perché sarebbero pesantemente perseguite per legge (vedi accecamento , mutilamento o legarli per le ali ” legge 157/92”) e porterebbero inevitabilmente ad una denuncia penale per maltrattamento animale e la revoca immediata della licenza di caccia.  Sapete benissimo,  visto che vi ritenete anche un’ organo  scientifico, che un uccello non ha nessuna possibilità di svolgere i l suo compito se non è in buona salute e che enti scientifico istituzionali (vedi ISPRA) con atti deliberatori legalizzati, ne hanno dettato i principi, le forme e le metodologie per il loro mantenimento nel suddetto stato . Questi mezzi sono usati dagli  allevatori ornitologici  di ogni genere e non soltanto da quelli per uccelli da richiamo.
Come si può parlare di maltrattamento quando una brigata di colombi,  posta  nel palco accanto al cacciatore, prendono il volo, compiono il suo lavoro e tornano con entusiasmo da dove sono partiti e dopo si fanno  anche accarezzare.  Oppure  tordi che spiegano  il loro estro amoroso in modo naturale  a mattine intere e quando gli si porgono le larve, come premio alla loro bravura, le adocchiano, le attendono con trepidazione e vengono immediatamente a prenderle quasi nelle mani.  Questo non è maltrattamento ma una semplice e rispettosa  forma di simbiosi  tra uomo ed animale.  Le foto e i filmati che continuamente mostrate sono estrapolati  e ricercati ad arte per le vostre mistificazioni ed appartengono ad altre realtà non confondibili   ed equiparabili  a quella  verità che ho appena descritto.
L’inversione della stagione per far cantare gli uccelli in periodo diverso dal suo ciclo naturale non comporta nessun maltrattamento e sofferenza , è semplicemente come se una persona dall'Italia si spostasse per sempre  in Brasile  passando dall'estate all'inverno  senza nessun problema,  adattandosi col tempo  all'inversione stagionale senza alcun trauma fisiologico e vitale.
Come già enunciato, ogni abuso e cattiva detenzione di esseri viventi è  perseguita  per legge, pertanto, senza farne una falsa  polemica per  favorire una cattiva immagine a tutta una categoria, potreste avvalervi  in modo leale e costruttivo con anche la collaborazione di chi disonesto non è,  di quei controlli per legge consentiti e successivamente emettere eventuali denunce  se ce ne fossero gli estremi.  Invece non fate niente per incitare al buon comportamento e  alla educazione del rispetto animale,  ma  date dimostrazione di essere compiacenti che  questi fatti accadano e ve ne giovate  per farne notizie strumentali per il vostro vergognoso uso e consumo.
Dopo aver  esplicitato come le vostre menzogne ed   infamie trattano la materia sul lato tecnico pratico, passo ad esporre  la questione dal  lato antropologico ed umano.
Le vostre ideologie deviate nel  considerare i modi di vivere altrui, vi pongono in una situazione vergognosa e dittatoriale di mancato rispetto verso il prossimo e vi  fanno credere in modo arrogante  di essere sempre nel giusto e dalla parte della ragione. Vivete la ruralità dietro uno schermo televisivo senza conoscerne l’ effettive  realtà ma con arroganza ne combattete i suoi modi di vivere.  Vi sentite salvatori della natura soltanto perché avete curato e liberato qualche rapace ma nel  contempo con il vostro fanatismo animalista tout cure,  fate battaglie in difesa anche di specie alloctone intensive che danneggiano la nostra biodiversità.   Mi domando con quale autorità e in nome di cosa vi permettete di diffamare e denigrare tradizioni che appartengono alle radici dell’uomo e che sono state trasmesse di padre in figlio con massimo orgoglio, rispetto, sacrifici  e responsabilità e sono ancora  praticate da generazioni che sono state le fondatrici di valori ed ideali che purtroppo nei giorni nostri vengono continuamente calpestati.
Con quali autorità e in nome di cosa vi permettete di avere la pretesa e gli intenti di sopprimere attività umane, che  sono anche fonti di reddito per tante famiglie e nel contempo sono riconosciute e praticate per legge in tutta Europa.  La caccia è un’attività concentrata e vissuta nel nome delle tradizioni  che le appartengono.  Queste tradizioni, compresi i richiami vivi, sono praticate da persone spesso meno abbienti e con età avanzata,  alle quali,  molto spesso,  è rimasta come sola passione e fonte di vita per continuare a vivere le poche emozioni a loro concesse, quelle emozioni legate al fare dell’alba al canto dei loro ausiliari o ad un volo di colombi dal palco che per incanto dopo aver compiuto il suo lavoro tornano lì. Emozioni  che  quasi sempre portano solo e soltanto a miseri carnieri, ma nel contempo suscitano grandi soddisfazioni  derivate dall'epilogo dei sacrifici economici e temporali che ai loro richiami hanno dedicato. Nessuno di voi, nel vostro egoismo, mancanza di rispetto verso il prossimo e a volte inconsapevole crudeltà  verso l’essere umano, si pone il problema quanta sofferenza verrebbe impressa a queste oneste persone che per una intera vita sono campate nei suoi modi di fare, nei suoi principi e nelle sue irrinunciabili tradizioni.  Quello che voi sta a cuore è soltanto la sofferenza di un  uccello, che salvo eccezioni, di fatto non c’è.  Per vostri scopi di interesse vi ponete spesso in contraddizione all'ISPRA e ne usate i suoi pareri soltanto quando giocano a vostro favore.  Usate le reti per catturare gli uccelli, come giusto fare, per  inanellamento a scopo scientifico ma all'opinione pubblica, con falsità ed ipocrisia, dite soltanto che le reti sono usate per la cattura di uccelli da richiamo e soltanto su  questi viene impressa  sofferenza e maltrattamento. Cacciatori cattivi, voi buoni!?!?!  Sapete benissimo quanto la caccia è collaborativa ed importante per gli studi sulle specie migratorie e spesso ve ne avvalete, ma mai una parola di gratitudine avete speso in merito a questo.  Continuate a denigrare in modo disonesto e spudoratamente falso, ( avvalendovi anche di qualche politico di turno in Comunità Europea)  soltanto l’attività venatoria italiana che alla fine, con la sua legge è una delle più evolute per ristrettezza  e  sostenibilità  conservativa .  Sulla base dei vostri comportamenti che ho sopra enunciato, dovresti vergognarvi  e con un pizzico di onestà intellettuale e buon senso  riflettere per porvi con un po’ di  umiltà umana e prima di tutto rispetto.
Forse chiediamo troppo a chi niente può dare.

Innocenti Terfiro  con la collaborazione del Presidente del Club sezione di  Firenze, Picchi Silvestro.