FORUM Club Italiano del Colombaccio

Marco1

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 60
    • Mostra profilo
Risposta #9 il: 07/02/2014 - 22:03
Grazie Faina di essere in mio aiuto.
Troppi sono i motivi elencati da te  come esperienze di caccia .
cercherò  di darti informazioni del capanno .
Il capanno si trova in  località Capalbio ,siamo alti a livello del mare .il capanno  rimane su un piano di poggio,cosi  impostato al nord :
 
guardando ovest il mare  abbiamo un piano per 200metri per poi scendere in una foce ,
guardando est un piano per 200 metri scendendo in un'altra foce,
guardando sud risale leggermente quasi in piano per 200metri per poi risalire molto per 300 metri e arrivare in cima al poggio  e guardando il nord scende piano gradualmente ,questo è la posizione del capanno .
arrivano da est, nord est per andare a sudovest,la posa dei piccioni volantini è a ovest piu abbiamo due alberi di quercia che mettiamo le pompe davanti a ovest,quelli che danno alla curata ci passano davanti o sopra e vanno a prendere il vento, quando è tramontano vanno  sui 300 metri per poi girare e puntano il capanno, arrivati  sui 100metri e girano calmi,  o a destra se è tramontano, se è levante o scirocco girano a sinistra andando in direzione nord ci passano piu bassi e scansano il capanno .
il mio numero dei piccioni che portiamo al capanno è di 10 piccioni
5 volantini 4 pompe fuori e una pompa per fare rientrare i piccioni ,
abbiamo piccioni ternani abbastanza bravi i volantini fanno un solo giro distante dal capanno 150 metri sono orologi fanno sempre il solito giro per le pompe fanno 1 metro di altezza  forze meno ecco ti ho raccontato credo tutto quello che facciamo a dimenticavo faccio una media  su 20 branchi ne crede 10 di 10 7 scartano e 3 arrivano al capanno quando vi era mio padre era l'incontrario 7 arrivano e 3 scartavano purtroppo siamo una frana tutti e tre.
 Ecco questa è la disamina  del mio appostamento .
Grazie per  la risposta, se ne hai voglia di parlarne... :)

giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1325
    • Mostra profilo
Risposta #8 il: 07/02/2014 - 21:52
Non Ti far tentare IL FAINA, non dire troppo!!!
Salutami il Comandante.
Ciao.
P.S.- x Marco1, non ci far caso, sono battute fra di noi.

IL FAINA

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 54
    • Mostra profilo
Risposta #7 il: 07/02/2014 - 19:25
Come non rispondere a una domanda inerente alla vera caccia?? Non mi trattengo!!!

Marco non e facile dare consigli senza essere presente durante l'azione di caccia.. ci sono molti fattori che influiscano negativamente a far smettere a soli 100 mt una curata ( sempre se di curata si puo parlare ) vedi una curata e chiamata tale quando va a buon fine... noi diciamo "galleggiano" e poi scartano la tesa..cioè sembra che appena visto i volantini siano già in "tagana" perche le vedi rallentare ed alcuni fermano le ali a tratti puntadoti la tesa e poi come dici tu su l'ultimo finisce tutto ..come se tu non esistessi piu!!!! io non so come e messo il tuo capanno, se rimane su un "dente" o in cima ad un poggio.. e come hai piazzato il gioco.Quanti volantini ,a che distanza gli dai la via e cosa fai dopo che vedi il branco che ti ha visto?? dammi piu informazioni possibili..che con molta umiltà cercherò di dire la mia.
Ciao

Marco1

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 60
    • Mostra profilo
Risposta #6 il: 07/02/2014 - 17:40
ciao FAINA
se non ti disturba vorrei un tuo parere.    alcuni cacciatori esperti mi anno dato le sue versioni mi manca la tua e di altri esperti intanto io immagazzino tutte le vostre esperienze per vedere di risolvere questo mio problema.
Perché mi curano fino a 100mt dal capanno, per poi smettere la curata e girare calmi a destra o sinistra e scappare via,
quali errori faccio secondo la tua esperienza grazie per il momento attendendo una tua risposta.
se non  mi vuoi rispondere non fa niente va bene uguale ciao . :)

IL FAINA

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 54
    • Mostra profilo
Risposta #5 il: 07/02/2014 - 15:05
hahaha Dici bene Vasco...... il fatto che io non paragono lo sport con la caccia, sono cosa completamente diverse. Vedrai che nei post successivi sara spiegato il perche.....
Rammentati che tra un po ce la zuppa di mia madre!!!

Un salutone

Pelo 52

  • Visitatore
Risposta #4 il: 07/02/2014 - 14:59
Vero Alessio.
Vedrei meglio al posto del "diritto".........nella "natura" dell'uomo.
Che ne pensi?

Vasco

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1265
    • Mostra profilo
Risposta #3 il: 07/02/2014 - 14:54
Flavio se tu vuoi una medaglia, a me spetta il NOBEL.
Saluti a tutti voi diavolacci.
vasco

IL FAINA

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 54
    • Mostra profilo
Risposta #2 il: 07/02/2014 - 14:48
Ale..allora tutti gli anni voglio una medaglia!!!!

Un abbraccio

alessiotroni

  • Newbie
  • *
  • GR 8, Orbetello
  • Post: 25
    • Mostra profilo
Risposta #1 il: 07/02/2014 - 12:29
Buongiorno a tutti,
stamani mi è capitato di leggere un estratto della " Carta Olimpica" in occasione dell'apertura dei Giochi Olimpici Invernali e che riporto qui di seguito, la quale mi ha suscitato un certo interesse sullo " Spirito Olimpico ", di cui è basata.

" La pratica dello sport è un diritto dell'uomo. Ogni individuo deve avere la possibilità di praticare lo sport senza discriminazioni di alcun genere e nello Spirito Olimpico, che esige mutua comprensione, spirito di amicizia, solidarietà e fair-play "
Considerando anche che tutti gli atleti gareggiano per vincere una medaglia!

Leggo, penso, poi sogno, e mi permetto anche di fare una mia considerazione,
se condividiamo che l'attività venatoria al giorno d'oggi può essere oltre ad una Passione anche una pratica sportiva e perchè no avere anche noi uno " Spirito Venatorio"?. Sostituendo alcune parole, a me è venuta così:

"L'attività Venatoria è un diritto dell'uomo e quindi del Cacciatore. Ogni Cacciatore deve avere la possibilità di poter praticare l'attività venatoria senza discriminazioni di alcun genere e nello spirito dell'attività venatoria che esige mutua comprensione, spirito di amicizia, solidarietà, fair-play "

Concludo dicendo, per me  "lo Spirito" o comunque si voglia chiamare, è pilastro fondamentale anche della nostra disciplina.
 
Saluti a tutti, Alessio