FORUM Club Italiano del Colombaccio

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - Vasco

Pagine: [1] 2 3 ... 23
2
Discussioni Generali / BUONA PASQUA
« il: 17/04/2022 - 02:03 »
A tutti gli amici frequentatori del forum i migliori Auguri di Buona Pasqua.
Club Italiano del Colombaccio

3
Come da precedenti aggiornamenti, informiamo che i Ricercatori Italiani incaricati dal Prof. Keith Hobson, "Istituto Traceability Unit Fondazione Edmund Mach coordinato dalla Dott.sa Luana Bontempo"stanno proseguendo le rilevazioni degli isotopi (tipologie ed intensità) e prevedono di fornire allo scienziato tutti i risultati dettagliati per la fine di Maggio. Come sempre la Ricerca Scientifica se condotta seriamente ha i suoi tempi di esecuzione e controllo.

Tutti i dati sono inseriti in database con un immenso e puntiglioso lavoro di catalogazione in mappa effettuato dai tecnici del Club dove sono evidenti i 73 siti presso i quali sono stati effettuati i prelievi delle 550 penne attualmente in Laboratorio.

Qui di seguito la sintesi su tutto il materiale raccolto.

” Le postazioni dove si sono effettuati i prelievi dei campioni sono 73, alcuni cacciatori hanno cacciato in più appostamenti e in giorni diversi, cosi evidenziate in mappa.

Fascia 1 Prealpi (2 appostamenti) – Fascia 2 Padania (3 appostamenti)

Fascia 3 App. Nord (24 appostamenti) – Fascia 4 App. Centro (28 appostamenti)

Fascia 5 App. Sud (6 appostamenti) – Fascia 6 Insulare (10 appostamenti)

Sono 54 i cacciatori che hanno inviato da tutta Italia e dalle isole Sardegna e Corsica  984 campioni dei quali 550 sono scelti per esaminare gli isotopi stabili nelle sei Fasce MCL “

Per ogni penna sarà possibile risalire a dati di analisi comparativa dettagliata riguardanti località, data, orario del prelievo nonché in buona percentuale stato corporeo, lunghezza delle ali, ecc. ecc.

Il riferimento a MCL – 2021 (così come sarà anche per MCL- 2020 e ci auguriamo MCL- 2022) ) è particolarmente importante perché le analisi, comparate con i risultati che il Prof. Hobson potrà offrire ed interpretare, permetteranno di  “leggere” il transito migratorio sulla nostra Penisola, come mai prima d’ora è stato possibile.

Dobbiamo essere certi che il contributo del Club, delle Associazioni Venatorie, degli ATC e di tutti i Cacciatori che hanno attivamente collaborato avrà un significato esemplare utile a validare per tutto il mondo scientifico la capacità “Citizen Science” del mondo venatorio così e solo così proiettato e determinante per le conoscenze fenologiche della Migrazione .Dovremo avere ancora pazienza per leggere le risultanze di Hobson e su queste collegare le nostre Ricerche passate e future.

Qui di seguito la Mappa con la griglia MCL ed i segnaposti dei 73 siti di rilevamento e prelievo delle 550 penne in esame.

Club Italiano del Colombaccio

4
Nei prossimi mesi verranno scaricati i dati dei libretti di Progetto Colombaccio Italia relativi all’ultima stagione di caccia 2021. Ci fa piacere in ogni occasione ricordare e ringraziare tutti i cacciatori che da anni collaborano con il Club per la rilevazione del passo autunnale e un ringraziamento particolare va al  Dott.  Federico Merli che elabora i dati raccolti e relaziona, di anno in anno, sugli aspetti del passo dei colombacci.  Federico ha il grande merito di aver archiviato in un data base una quantità enorme di dati raccolti in tanti anni  di rilevazioni. Nella relazione che potrete consultare, link a fondo pagina, troverete non solo il resoconto del passo 2020 ma anche l’archivio dati e la serie storica di Progetto Colombaccio: numeri davvero incredibili per una bella storia di ricerca, non priva di difficoltà,  in cui il Club e centinaia di cacciatori tradizionali di colombaccio, hanno creduto.

https://www.ilcolombaccio.it/CMS/19977-2/

5
Discussioni Generali / Buon Natale
« il: 24/12/2021 - 15:56 »
Il Natale è un giorno particolare impossibile dimenticare gli amici.

           BUON NATALE

6
       
       "Progetto Hobson" ora avviato con successo alle fasi conclusive

È con grande soddisfazione che il Club Italiano del Colombaccio può annunciare l'avvio delle fasi conclusive della Ricerca finalizzata alla identificazione delle aree di origine del Colombaccio durante la Migrazione autunnale.

Sono ormai giunte quasi 800 penne di raccolta, ben oltre il numero prefissato di 500 e quindi è in corso - con il grande lavoro di Vasco Feligetti e dei Dirigenti del Club - la gestione di protocollo informatico e localizzazione in mappa di ogni penna e di ogni Cacciatore che ha collaborato: a tutti un immenso ringraziamento.

Già il 15 Dicembre vi è stato un incontro "video-meeting" tra Vasco Feligetti, Enrico Cavina e la dott.ssa Luana Bontempo, quest’ultima Responsabile del lavoro di analisi isotopica prodotto dall’Unità Tracciabilità, Centro Ricerca e Innovazione della Fondazione Edmund Mach - S. Michele all’Adige Trento - istituzione di riferimento e collaborazione in Italia come indicata dal Prof. Keith Hobson e come da contatto siglato dal Presidente del Club Avv. Francesco Paci.

L'incontro in video-conferenza è stato molto molto produttivo per definire con precisione i dettagli da inserire in "file" e scheda cartacea, nonché discutere le grandi prospettive di ricerca che si aprono su vari filoni di ricerca fenologica della migrazione del Colombaccio in Italia (collegamento con MCL 2021) ed in Europa. I tempi di corretta ricerca scientifica saranno lunghi ma ora abbiamo la certezza d'importanti risultati.

A breve potremo ancora approfondire tutta la tematica direttamente con Keith Hobson.
Questa certezza di un lavoro scientifico di alto livello - che premia l'iniziativa del Club- si collega alla importante disponibilità di Associazioni, ATC, Istituzioni e privati che hanno contribuito alla raccolta dei fondi necessari: a loro va ulteriore ringraziamento.

Ancora una volta ci sentiamo di poter sottolineare come l'impegno - lungo, difficile e perseverante - di un piccolo Club di Cacciatori può essere in grado di contribuire alla Ricerca scientifica di alto livello, quale anche metodo di difesa seria e motivata dei valori della Caccia tutta.


Club Italiano del Colombaccio.

7
Discussioni Generali / TERMINE RACCOLTA CAMPIONI "HOBSON"
« il: 06/12/2021 - 18:43 »
   Con grande soddisfazione comunico che il Progetto organizzato dal Club per tracciare le origini dei contingenti di colombaccio che migrano in autunno in Italia è finalmente andato in porto.

   I numero dei campioni necessari -500 - per l'analisi degli isotopi è ampiamente superato ed altri campioni sono in arrivo. Alcuni campioni saranno per forza esclusi ed è un peccato, ma purtroppo la cifra raccolta più non permette, comunque a tutti i cacciatori che hanno partecipato alla raccolta dei campioni si riserverà un quantitativo da analizzare.

  Preme ricordare che il lavoro di protocollo richiede molto tempo quindi non posso prolungare oltre mercoledì 15 dicembre la raccolta delle penne. Chi ancora deve spedire è pregato di affrettarsi.

Grazie, un forte abbraccio a tutti dai dirigenti del Club.

Spedire a: Vasco Feligetti Strada Perugia Pontevalleceppi,3 06126 Perugia
Info: felixsis.rudy@gmail.com
 

8
Discussioni Generali / PROGETTO "HOBSON"
« il: 02/12/2021 - 18:33 »
                               PROGETTO "HOBSON"

* La base: cercare di conoscere le ORIGINI dei Colombacci che arrivano da noi.

* Il metodo: raccogliere alcune penne e valutare gli isotopi che si sono fissati sulle penne nelle aree di nidificazione e nel periodo estivo e di crescita, muta inclusa.

* Gli strumenti: affidare le analisi al miglior centro di ricerca specifica al mondo ed al Ricercatore scienziato più esperto al mondo (Keith Hobson).

* Il percorso: difficile ed ostacolato per anni ma alla fine andato in porto, grazie all'impegno per trovare i fondi necessari, grazie alla partecipazione attiva e diligente di molti cacciatori, ATC, associazioni, privati. e grazie al lavoro promozionale di Vasco che ha saputo collegare il Progetto Hobson e MCL. Grazie.

* Lo stato attuale: Vasco Feligetti sta ricevendo già ora pur ancora in novembre tutto il materiale richiesto. Keith Hobson è già stato informato dello stato della raccolta e selezione delle penne.

* La sua risposta: entusiasta del primo risultato, particolarmente colpito dal metodo di selezione sulle penne raccolte per diversificati corridoi migratori come da MCL.

* ed ecco ..... lo Scienziato - che come tale deve avere sempre una "visione" a tutto campo degli sviluppi delle Ricerche - ipotizza già ora che il modello proposto e realizzato dal Club Italiano del Colombaccio nel 2021 possa avere in un prossimo futuro un concreto collegamento con il progetto ICARUS gestito in Europa dall'Istituto Max Planck, massima istituzione per tutta l'Ornitologia Europea.

* A noi basta questo: già ora un'idea, una proiezione "visionaria", uno sforzo di relazioni e di contributi concreti, una fatica di mano d'opera volontaria sul campo, hanno un'incredibile qualificata proiezione evolutiva pur difficile da realizzare (i costi).

* Certo aspettiamo i risultati concreti che tutti noi desideriamo ora, ma la sola ipotesi di evoluzione del nostro modello gestita al massimo livello di Scienza deve essere motivo di orgoglio per tutti quanti i Cacciatori che grazie al Club hanno collaborato.

* Ora aspettiamo i risultati della elaborazione "Hobson - MCL 2021", il resto rimane ipotetico pur nella sostanza di un modello proposto da un piccolo Club di Cacciatori Italiani che trova attenzione ai più alti livelli di Ricerca specifica "di nicchia" .

" il Progresso è la realizzazione delle Utopie " (Oscar Wilde).
 
Club Italiano del Colombaccio

9
“Questo è il terzo branco che faccio mettere senza sparare una fucilata, che gusto!!!”.

      Sentite, ascoltate bene le parole, il tono della voce, fanno venire i brividi, momenti ed emozioni, fortissime soprattutto per coloro che hanno avuto l’occasione di provarle, pare di sognare, è il terzo branco che non gli spara per gustarsi lo spettacolo, l’atto più bello della caccia alle Palombe, la posa del branco.
       L’emozione, la sensazione, l’adrenalina che trasmette l’azione che termina in modo perfetto con la posa del branco è qualcosa di immenso, attimi che vorresti non finissero mai,  ti fanno sognare ad occhi aperti.

       Mario non cerca il fucile, non vuol perdere un momento di questo spettacolo che la natura gli regala.

       La caccia a fermo sta tutta nelle sue parole, “fermati somaro” ecco,  ascoltando Mario e quanta passione trasmette con le sue parole, ti fa sentire in totale simbiosi con il branco posato, il suo colombaccio sulla racchetta e i cani sotto alla quercia,….. “ce ne sarebbe due con una fucilata ma chi se ne frega” queste parole trasmettono sensazioni che ti rimangono dentro tutta la vita, sensazioni a pelle che quando le provi sanno insinuarsi al di sotto, restano  tatuate addosso. “Che spettacolo, che bello ahhhh”

Mario - alias Pelo 52

“che vuoi si matura col tempo”



10
Discussioni Generali / Sarà l'ultima ondata? Forse.
« il: 19/11/2021 - 00:28 »
Forse.... , quando si parla di colombaccio è sempre opportuno, però le condizioni Meteo favorevolissime alla migrazione del "Magnifico"  numerosi contingenti fermi nelle zone protette, le mangiatoie nella voliera delle PALOMBE vuotare negli ultimi tre giorni,  tutto ciò fa pensare che "FORSE" nel prossimo week end si vedranno  ancora tante PALOMBE.

IBAL
Vasco.

11
Discussioni Generali / IV° Raduno delle cacce umbre
« il: 07/11/2021 - 13:53 »
Venerdì 19 novembre presso il ristorante FALIERO, UMBRIA CACCIA E NATURA è lieta di invitarvi, come ormai consuetudine a fine passo, alla serata conviviale in compagnia dei cacciatori di palombe umbri.

X Info Prenotazione: Andrea V. 339 8370436
                        Andrea L. 347 6275708
                        Marco  C. 389 8307669

12
Terza decade: Picchi migratori - Direttrici - Popolazioni e loro Origini ("Hobson") - Previsione e metodo

MCL insieme al Forum hanno fornito dati interessanti sull’andamento stagionale della Migrazione . La differenziazione per Fasce geografiche si dimostra un buon metodo che fornisce una massa di dati utili alle analisi globali e regionali sulla fenologia della Migraz……
https://www.ilcolombaccio.it/CMS/terza-decade-picchi-migratori-direttrici-popolazioni-e-loro-origini-hobson-previsione-e-metodo/

13
Notizia di avvistamenti di contingenti in migrazione in Adriatico Centrale, sembra siano ROSCIOLI, recuperare campioni per l progetto "HOBSON" da qualche esemplare di ROSCIOLO è molto importante al fine della Ricerca. Da un lavoro Russo del 2016 il colombaccio Rosciolo sembra sia una sottospecie proveniente niente popò di meno che dal Kazakistan o dalla Siberia.

Capitasse di trovarsi nel dubbio si tratti di un ROSCIOLO siete pregati di prelevare la penna campione, quindi evidenziare nella scheda tecnica ROSCIOLO.

In calce le istruzioni per il recupero del campione di penna e spedizione.

Grazie.


L'analisi del Prof. Enrico Cavina - CODONI ROSCIOLI TOPACCHI -

       L’argomento viene ad emergere – direi come sempre – alla fine del “passo” 2016 ed alcuni post dei Forum ne pongono le problematiche .

Federico G. mi chiede un approfondimento inviando foto con il post Forum Umbria 22/10/2016 .

Dico subito che non ho molta competenza ed esperienza specifica , ma provo a fare qualche considerazione deduttiva . Premetto anche che la Letteratura propriamente scientifica aiuta poco o niente e quindi rimaniamo nel bel mezzo di molte incertezze interpretative . Diciamo subito che nello specifico delle tre denominazioni io non sono riuscito a trovare nemmeno un lavoro dedicato .Ben venga chi può citarne alcuni.

                                CODONI

Si tratta di Colombacci più grossi nell’insieme corporeo e nelle strutture come appunto la coda . L’interpretazione di “vecchi” in più tempo più cresciuti non ha alcun fondamento scientifico . Tanto meno il riferimento ad una Sottospecie specifica giacchè la Tassonomia della Specie Columbidi e Sottospecie é ben codificata .
Certamente l’aumento corporeo ha a che fare con un qualche processo evolutivo che in alcuni soggetti e forse famiglie ( molto meno in popolazioni ) definisce un accrescimento molto evidente e tangibile . Proviamo a fare una similitudine un po’ forzata : la specie Uomo nel suo Continente di origine , cioé Africa , si é evoluta in alcune popolazioni caratteristiche morfologicamente condizionate dall’ambiente e cioé Uomini ( sempre specie Uomo ) più alti ( Watussi per necessitá di vivere la savana e le sue alte erbe ) e più bassi ( Pigmei per necessitá di vivere il sottobosco delle foreste ) .
Non credo che nei Colombacci vadano a caratterizzarsi vere popolazioni di “codoni” , per via di necessitá ambientali , quanto piuttosto potrebbero esserci famiglie o singoli individui che soggiaciono a modificazioni – queste anche propriamente genetiche – del sistema neuroendocrino dove il fulcro è la ghiandola ipofisi o pituitaria dove é prodotto l’ormone dell’accrescimento . Possiamo vagamente ipotizzare che la ghiandola essendo fotosensibile possa sviluppare attivitá anomale in aree di nidificazione dove la lunghezza delle ore diurne nel periodo riproduttivo ( latitudini nordiche ) è maggiore che non in altre . Sappiamo che nell’Uomo esistono patologie neuroendocrine con fulcro ipofisario che determinano gigantismo e/o acromegalia in singoli casi o in famiglie ( ereditarietá) . Trasferire queste conoscenze sugli Uccelli – senza base di documentazione scientifica – é solo un esercizio di fantasia .
Il fenomeno esiste anche per altri Uccelli : personalmente ho visto una Beccaccia imbalsamata grande come un fagiano ( pesava circa 700gr ) .
Il fenomeno s’inquadra come “macrosomatismo ”
Alcuni elementi propriamente scientifici possono ritrovarsi nei seguenti Links :

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24033180
http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/ar.1090790304/abstract
http://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/01652176.1997.9694817

L’argomento ben si offre alla Ricerca specie in termini comparativi circa l’istologia e la fisiologia delle Ipofisi di c.d. ” codoni” .

                            ROSCIOLI e TOPACCHI

Quí il discorso si pone certamente in termini più vicini ad una possibile identificazione di Sottospecie , che comunque a tutt’oggi é esclusa per l’ufficialitá della Tassonomia e relative Classificazioni .

I due termini ” roscioli” “topacchi” hanno anche origini , interpretazioni , modificazioni dialettali e regionali . L’elemento “colore” sembra il più importante nella definizione terminologica.

Escludiamo subito dalla nostra analisi e discussione il “topacchio” come assimilabile con la Colombella : quí la differenziazione morfologica ed anche di colore e di topografia del piumaggio è assoluta e la Colombella é sí Columbide ma non può essere assimilata al Colombaccio .

In molte Regioni “roscioli ” “topacchi” sono attribuiti ad identiche caratteristiche di soggetti più piccoli del Colombaccio “Palumba palumbus” con petto di colore vinoso
o “bruno topo” , collare assente o appena accennato , e comunque nell’insieme con caratteristiche confondibili con un soggetto giovane non ancora maturo . Confesso tutta la mia incompetenza a definire comparativamente le caratteristiche morfologiche in questione e chiedo miglior definizione del problema ai più Esperti .Credo che in tal senso dovrebbe essere affrontato anche il problema della muta .

Ha un qualche significato il fatto che “roscioli” e/o “topacchi” sarebbero gli ultimi a “passare” , anche in veri branchi autonomi ? Non mi convince la spiegazione che sarebbero i più giovani , partiti più tardi perchè non ancora pronti ( muta ? accrescimento tardivo ? ) . Perchè poi in branchi autonomi , non escludendo comunque che possono migrare in branchi misti con Colombacci “maturi”?

In termini assolutamente dilettantistici sotto il profilo scientifico , si potrebbe forse richiamare la Ricerca ad approfondire alcune correlazioni ipotetiche configurate su sottospecie esistente forse non compiutamente studiata anche nei comportamenti migratori .

Esiste ben definita in Tassonomia una Sottospecie ” Columba palumbus casiotis ” a prevalente ma non esclusiva area di nidificazione in Kazakistan con caratteristiche che ben richiamano le caratteristiche dei “roscioli” “topacchi” Si possono ben vedere questi caratteri nelle foto di questo Link e di altri Links in calce

http://www.birds.kz/v2taxon.php?s=276&l=en

Molte altre documentazioni della sottospecie e riferimenti specifici si possono estrarre appunto da altri Links , in particolare anche un Lavoro Russo del 2016 .
Di certo l’area di nidificazione nettamente “più asiatica” oltre gli Urali si estende dal Kazakistan alla Siberia , quindi su aree di origine più lontana delle migrazioni dei Colombacci di “lunga distanza” ed aree molto estese . Mancano dati sull’entitá quantitativa di questa sottospecie “casiotis” . Ci sembra però rilevante che analisi comparative evidenziano ali nettamente più lunghe del Colombaccio “palumbus palumbus” , ali quindi proprie di volatori a lunghissima distanza . Viene da domandarsi se altre popolazioni “asiatiche” siano assimilabili a questa sottospecie ben definita . Ci mancano studi e ricerche specifiche e quindi le nostre disquisizioni deduttive rimangono acqua fritta .

Links

http://avibase.bsc-eoc.org/checklist.jsp?region=RUur&list=howardmoore
http://www.birdlife.org/datazone/species/factsheet/22690103
http://avibase.bsc-eoc.org/species.jsp?avibaseid=5D81DE5AE20AE2FE

http://www.birds.kz/v2photo.php?l=en&s=002400085&n=1 ottima foto
http://orientalbirdimages.org/search.php?Bird_ID=696

http://zipcodezoo.com/index.php/Columba_palumbus_casiotis

Lavoro Russo 2016
ISSN 0869-4362Russo ornitologica ufficiale 2016 Volume 25, 1284 Express Edition: 1704
NB : Questa Nota non ha basi scientifiche validate e quindi sull’argomento rimangono tutti i dovuti dubbi interpretativi

Enrico Cavina – ottobre 2016

14
Dopo gli errori e le difficoltà logistiche dello scorso anno a Mesola il
Club è felice di comunicare che il progetto di inanellamento a scopo
scientifico di colombacci è partito nel Parco regionale di San Rossore
(PI) in collaborazione con l’Università di Pisa e su finanziamento di
ARCI CACCIA. Sono già stati catturati tre colombacci, tutti adulti (peso
di 476, 462 e 520 grammi), con reti a prodina....

https://www.ilcolombaccio.it/CMS/prime-catture-di-colombaccio-san-rossore/

15
Discussioni Generali / UNA GIORNATA STRAORDINARIA
« il: 26/10/2021 - 02:16 »
Nei diari tradizionali di caccia ci sono giornate che usualmente vengono definite “storiche” in varie (non tutte per via di orografia e meteo locali)  località di passo .
Sono anche considerate giornate straordinarie sotto l’aspetto strettamente scientifico e l’interpretazione della fenomenologia migratoria si apre  a difficili interrogativi .
Tutto questo vale anche per la giornata del 24 Ottobre 2021  – caratterizzata da (vedi mappa) una situazione isobarica con imponente grande nucleo di altissima Pressione Atmosferica e su questa base prevista la Migrazione di massa  con largo anticipo – ma nell’insieme geografico di Europa offre la singolare CONTEMPORANEITA’ di Picchi  o eventi documentati in 4 siti geografici enormemente distanti tra loro ( Svezia, Francia Orientale, Pirenei, Italia ) Come mai lo stimolo – e nel caso specifico “furor migratorio” si sia concretizzato simultaneamente su popolazioni di Colombacci certamente ad origini diverse tra loro , apre –  a nostro avviso – interrogativi che val la pena di cercare di approfondire.
La raccolta delle penne – che raccomandiamo a tutti –  per il progetto Hobson potrà dare forse un contributo.
Il Club Italiano del Colombaccio ha un Forum ed altri riferimenti di Ricerca (MCL  –  PCI) aperti ai pareri e contributi di tutti:  li attendiamo.

Enrico Cavina

Pagine: [1] 2 3 ... 23