FORUM Club Italiano del Colombaccio

giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1004
    • Mostra profilo
Risposta #93 il: 08/06/2019 - 23:38
Dimenticavo:

la Regione sta lanciando una App per tenere contatti diretti in tempo reale con tutti i cacciatori, sia per informare che per ricevere informazioni su problematiche del territorio.

Chi è interessato dovrebbe compilare l'apposito modulo e sottoscrivere l'assenso trasmettendolo agli uffici dell'assessorato.

giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1004
    • Mostra profilo
Risposta #92 il: 08/06/2019 - 23:19
Stamattina si è tenuto l'incontro pubblico dell'assessorato caccia, diretto dallo staff di Artemide, presso l'istituto alberghiero di Loreto con i cacciatori.

Anche questo un bel ritrovarsi, oltre che fonte di notizie ed informazioni, è stata anche una occasione per una crescita culturale dell'ambiente venatorio.

Purtroppo per la categoria l'età media dei nembrotti continua a crescere, e naturalmente per fortuna per noi che siamo ancora qui.

Ma la presenza di quattro giovani formidabili cacciatrici ha fatto da contraltare alla nostra vecchiezza.

La presentazione di Petrucci ha esposto l'obiettivo di Artemide con i suoi filmati: raggiungere i non cacciatori e mostrare loro i lati positivi dell'attività venatoria, nella bellezza del nostro territorio con tutto il suo romanticismo.
Obiettivo che dovremmo tutti perseguire, sia con i comportamenti che con le comunicazioni sui social, in quanto il futuro dell'attività dipende in gran parte dall'orientamento dell'opinione pubblica che spesso viene influenzata da disinformazioni di ambienti ideologicamente contrari alla nostra passione.

L'assessore ci ha esposto la situazione attuale, quello che la regione sta facendo a tempi forzati per poter arrivare all'approvazione definitiva del piano faunistico venatorio entro l'anno.
Nella settimana hanno completato la V.I.A., base per il piano faunistico, e predisposto la bozza del piano.
Entro luglio prevedono l'approvazione del piano da parte della Giunta, dopodichè per 60 giorni saranno possibili inoltrare osservazioni, e poi essere presentato in Consiglio Regionale entro l'anno.
Questi in pratica i tempi minimi necessari per l'espletamento di tutti i passaggi previsti dalle normative.
Una volta approvato dovrebbe essere la base e la ragione dell'attività venatoria per diversi anni.
La problematica cinghiale sempre molto stringente, in quest'ultima stagione si calcola approssimativamente un prelievo di circa 11.000 capi, si potrebbe immaginare cosa succederebbe se questi prelievi fossero sospesi, quindi un riconoscimento a tutti gli operatori.
Rimangono le criticità delle zone protette ove non è possibile accedere per prelievi commisurati alle necessità, parchi vari/oasi naturali/ecc., e l'assessore afferma che bisognerà fare ogni sforzo per trovare il modo per porvi rimedio.
Le Marche unica regione a prevedere la preapertura alla tortora, ma ora sembra che altre due regioni ed una provincia autonoma stiano rivedendo il loro atteggiamento.

Poi la dirigente caccia ha esposto la sua funzione e le modalità silenti con le quali le esplica nel mare di normative esistenti, con impegno e grande fatiche.

Ancora il funzionario tecnico ci ha esposto i vari passaggi e la necessità di dati.

Unico neo, dal mio modesto punto di vista, quello del presidente regionale FIdC che interviene dichiarando di interpretare la sua funzione in quella di promotore assoluto di più giornate di caccia possibili ed a più specie possibili!

E' intervenuto anche il presidente Paci richiedendo una maggiore distanza tra impianti di colombacci al fine di permettere la caccia tradizionale descrivendola mirabilmente guadagnandosi un applauso dall'aula affollata.

Poi ci è stato presentato lo chef stellato dell'alberghiero che ha seguito Artemide e cucinato nei suoi filmati di arte venatoria.

giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1004
    • Mostra profilo
Risposta #91 il: 06/06/2019 - 22:14
 Ciao Hunter,
e perché mai, democrazia impone, ognuno esprime le proprie idee e credenze.

Concordo che in questi ultimi anni la regione Marche ci abbia dato un calendario al massimo di quello consentito, e forse anche di più, ma le domande da porsi sarebbero:

Calendario corretto per il rispetto dei periodi riproduttivi?
Calendario nei limiti delle normative nazionali?
Calendario rispettoso delle sensibilità della stragrande popolazione italiana (non certo animalisti) che cacciatori non sono, che non c'è l'hanno con la caccia ed i cacciatori, ma con gli eccessi?
Calendario che lascia troppe maglie aperte sia per bracconieri incalliti che per gli occasionali?

E la finisco qui.

Però mi sembra che l'assessorato, dato quanto avvenuto nella passata stagione venatoria in Toscana a seguito di sentenze di giustizia amministrativa, cerchi lo scontro ed aspiri al martirio!

HUNTER

  • Newbie
  • *
  • Post: 31
    • Mostra profilo
Risposta #90 il: 06/06/2019 - 16:15
Ciao Giamp
Avevo letto anche io questa locandina su qualche social
Sono sicuro che non potrò partecipare purtroppo causa impegni.......però io dico la mia in merito al nostro calendario, e prendetela come acqua che scorre
Tutto sommato il calendario venatorio delle Marche negli ultimi anni non è stato poi cosi male, ho letto la bozza sembra che non hanno inserito momentaneamente il colombaccio fino al 10 Febbraio, per me sarebbe più corretto toglierlo in preapertura quindi tutto il mese di Settembre ma poterlo continuare a cacciare in quei 10 giorni di febbraio che poi alle fine di caccia sono sempre 4 o 5.
Per il resto della stagione va più che bene quello che abbiamo avuto gli anni scorsi.
 

giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1004
    • Mostra profilo
Risposta #89 il: 05/06/2019 - 14:28
Sabato prossimo incontro pubblico.

Vasco

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 843
    • Mostra profilo
Risposta #88 il: 26/05/2019 - 20:45
Giamp,sempre presente nella "sua" MARCHE, grazie, anche per la tempestiva informazione della manifestazione che ha permesso la presentazione del Progetto HOBSON da parte del Pres. Francesco Paci.

Un abbraccio.
Vasco

giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1004
    • Mostra profilo
Risposta #87 il: 26/05/2019 - 11:15
dimenticavo:

Convegno sempre affollatissimo, platea stracolma e logge tutte presenziate.

giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1004
    • Mostra profilo
Risposta #86 il: 26/05/2019 - 11:12
Ieri pomeriggio si è dunque tenuto il consueto annuale Convegno presso il teatro di Montelupone MC, sempre molto interessante, con notizie dirette dalla Regione di politica venatoria esposte dall'assessore regionale Pieroni e tecniche esposte dal funzionario regionale dott. Sparvoli.

Inoltre i veterinari dello zooprofilattico hanno esposto lo stato, le problematiche e le precauzioni da adottare sulla peste suina africana e pseudorabbia.

Il tecnico faunistico Brusaferro ha tenuto un intervento mirato soprattutto ad esporre e dimostrare l'importanza dei rilevamenti dei tesserini sui prelievi, fonte per qualsiasi argomentazione e dimostrazione sullo stato delle specie e di tutto ciò che ne consegue.

Un plauso è stato indirizzato ai filmati di Artemide su Obiettivo Territorio.

Anche la ricerca scientifica è stata più volte argomentata nelle sue più svariate modalità ed applicazioni.
Ed in questo quadro ha trovato ottima collocazione l'intervento del Presidente Paci per esporre l'iniziativa del Club sulla programmata ricerca basata sui radioisotopi.

Il tutto magistralmente ed infaticabilmente preparato e condotto dal presidente provinciale federcaccia Nazzareno Galassi, al quale, come cacciatori/gestori, rinnoviamo il nostro plauso e ringraziamento.

Vasco

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 843
    • Mostra profilo
Risposta #85 il: 23/05/2019 - 23:33
Non solo bella giamp, è un pezzo di storia della caccia alle "Palombe" che
purtroppo si trova in totale stato di abbandono.

Un sito che deve essere recuperato la bellezza del luogo, la maestosità delle quercie secolari ancor vive e tutt'intorno con le altre torri da dove si sparava alle palombe è un patrimonio culturale da  recuperare prima che vada irriberiabilmente perduto o magari demolito.
Cosa si puo fare non so, tu che conosci meglio di noi la situazione e che
sai dove bussare.....almeno proviamoci.

Saluti.
Vasco
 



giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1004
    • Mostra profilo
Risposta #84 il: 23/05/2019 - 22:07
bella, bellissima

giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1004
    • Mostra profilo
Risposta #83 il: 19/05/2019 - 22:35
REGIONE MARCHE 
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE
delibera 8/05/2019  N.528
Richiesta di parere alla competente Commissione
assembleare permanente sullo schema di deliberazione
concernente: "L.r. n. 7/ 95, art. 30
Calendario venatorio regionale 2019/2020

Mercoledi 8 maggio 2019, nella sede della Regione Marche, ad Ancona,
in via Gentile da Fabriano, si è riunita la Giunta regionale, convocata
d'urgenza.

Sono presenti:
- LUCA CERISCIOLI Presidente

- LORETTA BRAVI Assessore

- FABRIZIO CESETTI Assessore

- MaRENO PIERONI Assessore

- ANGELO SCIAPICHETTI Assessore

Sono assenti:
- ANNA CASINI Vicepresidente
- MANUELA BORA Assessore
Constatato il numero legale per la validità dell' adunanza, assume la
Presidenza il Presidente della Giunta regionale, Luca Ceriscioli. Assiste
alla seduta il Segretario della Giunta regionale, Deborah Giraldi.
Riferisce in qualità di relatore l'Assessore Moreno Pieroni.

 ALLEGATO A)
CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2019 - 2020
La stagione venatoria ha inizio il 01 settembre 2019 e termina il 30 gennaio 2020.

Le specie di selvaggina cacciabili sono le seguenti:

a) tortora (Streptopelia turtur): dal 01 settembre al 20 ottobre;

b) merlo: dal15 settembre al 30 dicembre;

c) quaglia: dall'11 settembre al 30 dicembre;

d) alzavola, germano reale e marzaiola: dal 01 settembre al 19 gennaio 2020;

e) ghiandaia, gazza, cornacchia grigia e colombaccio: dal 01 settembre al 30 gennaio 2020;

f) lepre, coniglio selvatico, starna , fagiano, pernice rossa:

dal 15 settembre all'08 dicembre;

è fatto divieto di caccia:

• alla starna ed alla coturnice sull'intero territorio dell'ATC PS2;
• alla starna sull'intero territorio dell'ATC AN1;
• alla pernice rossa sull'intero territorio dell'ATC MC1;
g)     allodola: dal 02 ottobre al 30 dicembre;
h)     tordo bottaccio, cesena, tordo sassello, canapiglia , codone, fischione , mestolone, moriglione,
pavoncella, beccaccino, porciglione, frullino, volpe, folaga , gallinella d'acqua: dal 15 settembre al
30 gennaio 2020;
i) moretta: dal 13 ottobre al 30 gennaio 2020;

j) combattente: dal15 settembre al 31 ottobre;

k) cinghiale: mercoledì, sabato e domenica nei giorni:

- Provincia di Pesaro e Urbino dal 02 Novembre al 29 Gennaio 2020;

- Provincia di Ancona dal 02 Novembre al 29 Gennaio 2020;

- Provincia di Macerata domenica 20 ottobre e domenica 27 Ottobre e dal 02 Novembre al

29 Gennaio 2020;

Provincia di Fermo dal13 Ottobre al12 Gennaio 2020;

REGIONE MARCHE seduladel ~
GIUNTA REGIONALE - 8 MA6. 20 9 ~
Delibera
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE     52 8
Provincia di Ascoli Piceno 13 Ottobre al12 Gennaio 2020;
I)     coturnice: dal 06 ottobre al 30 novembre secondo quanto stabilito dal Piano di Gestione
Nazionale per la Coturnice Approvato dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato,
le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano;
m)    beccaccia: dal 02 ottobre al 30 gennaio 2020;
con eventuale sospensione del prelievo al verificarsi delle seguenti condizioni:
1)     mantenimento delle temperature medie al disotto dello zero termico oltre 4 giorni consecutivi;
2)     presenza continuativa di copertura nevosa al di sopra dei m. 300 s.l.m . per più di tre giorni;
3)     presenza uniforme di terreni innevati sul livello del mare oltre le 48 ore.
Le specie di selvaggina sopra elencate sono cacciabili:
•     settembre: domenica 01 - mercoledì 04 - sabato 07 - domenica 08 - mercoledì 11 - giovedì 12
- domenica 15 - mercoledì 18 - sabato 21 - domenica 22 - mercoledì 25 - sabato 28 - domenica
29;
•     dal 02 ottobre al 30 gennaio 2020: tre giorni a scelta del cacciatore, esclusi martedì e venerdì.
•     dal 02 ottobre al 30 novembre: la caccia da appostamento alla selvaggina migratoria è consentita
per altri due giorni a settimana con esclusione comunque del martedì e del venerdì , con l'obbligo da
parte del cacciatore di raggiungere e lasciare il sito di caccia con l'arma scarica e in custodia e con
l'ausilio del cane per il recupero della selvaggina abbattuta.
Il prelievo della specie lepre, fagiano, starna, pernice rossa, cinghiale e coniglio selvatico è consentito
nelle sole giornate di mercoledì , sabato e domenica.
Nei giorni 01 - 04 - 07 settembre, è consentito il prelievo delle seguenti specie nelle modalità e negli
orari di seguito indicati:
•     tortora, colombaccio, cornacchia grigia, ghiandaia, gazza, alzavola, germano reale e marzaiola: dalle
ore 5:30 alle ore 12:00 e dalle ore 17:00 alle ore 19:00.
Nei giorni 08, 11 e 12 settembre, è consentito il prelievo delle seguenti specie nelle modalità e negli
orari di seguito indicati:
•     tortora, colombaccio, cornacchia grigia, ghiandaia, gazza, alzavola, germano reale e marzaiola: dalle
ore 5:30 alle ore 12:00.
Nei giorni 01 - 04 - 07 settembre:
- L'esercizio dell'attività venatoria è consentito da appostamento, senza l'ausilio del cane, con
l'obbligo da parte del cacciatore di raggiungere e lasciare il sito di caccia con l'arma scarica ed in
custodia. Nelle suddette giornate gli appostamenti temporanei , oltre al sostare dietro a riparo
naturale, possono essere realizzati solo con materiale artificiale.
E' vietato segnare in qualsiasi modo e con qualunque mezzo il luogo in cui si allestirà
l'appostamento temporaneo.
REGIONE MARCHE
GIUNTA REGIONALE
seduta del [Pa9l
~
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE
Delibera
52 8
- L'occupazione del sito e l'installazione degli appostamenti temporanei non possono essere
effettuati prima di 12 ore dall'orario di caccia.
- L'occupazione dell'appostamento eventualmente realizzato o segnalato nelle 12 ore antecedenti
l'apertura della caccia , dovrà essere occupato entro la mezz'ora successiva all'orario di inizio
dell 'attività venatoria. (Le prescrizioni contenute negli ultimi tre paragrafi non si applicano nelle
Aziende faunistico venatorie e nelle Aziende agri-turistiche venatorie).
Nei giorni 08, 11 e 12 settembre è consentita la caccia alla quaglia dalle ore 5:30 alle ore 12:00, con
l'uso del cane , esclusivamente nelle stoppie (per stoppie si intendono i residui di colture erbacee rimaste
nei campi dopo le operazioni di raccolta del seme), nei terreni ritirati dalle produzioni agricole, sui prati
naturali ed artificiali, su coltivazioni di barbabietole e medicai non da seme, a condizione che non si
arrechino danni alle colture.
Per queste giornate il cacciatore che esercita il prelievo venatorio della quaglia deve indossare
obbligatoriamente un capo di abbigliamento (giubbetto o pettorina o copricapo) di colore arancione,
rosso o giallo.
In tutte le giornate di preapertura è consentito l'utilizzo del cane esclusivamente per il recupero della
selvaggina abbattuta obbligatoriamente con il fucile scarico e in custodia e per un massimo di trenta
rninuti dalla fine dell'orario di caccia (12:00-12.30 e 19:00-19:30)
La Giunta regionale potrà vietare la caccia alla starna, alla coturnice, alla pernice rossa e al
combattente su proposta dei Comitati di gestione degli AA.TT.CC.
Regolamento di caccia
L'esercizio venatorio ha inizio e termine secondo gli orari di seguito indicati:
settembre: dal 01 al15 - ore 530/19:30
dal16 al 30 - ore 6:00/19:15

ottobre: dal 01 al 26 - ore 6:00/ 19:00 termine orario legale

dal 27 al 31 - 5:30/17:15

novembre: dal 01 al15 - ore 5:30/17:15

dal 16 al 30 - ore 5:50/ 17:00

dicembre: dal 01 al 15 - ore 6:00/ 16:40

dal 16 al 31 - ore 6:00/16:45

gennaio: dal 01 al15 - ore 6:00/17:15

dal 16 al 31 - ore 5:50/17:45

Fa eccezione:
- La caccia alla beccaccia inizia un'ora dopo rispetto agli orari di cui sopra.
REGIONE MARCHE seduta del ìPa9l
GIUNTA REGIONALE 8 MAG. 201 ~ ~
~ bera DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE
Per ogni giornata di caccia è consentito a ciascun titolare di licenza abbattere i seguenti capi di selvaggina:
a) selvaggina stanziale:
1) lepre - n. 1 capo, con un numero di capi complessivi annui pari a 8; per la specie lepre tale limite
non si applica nelle Aziende Faunistiche Venatorie;
2) coturnice: secondo quanto stabilito con i Piani di Gestione;
3) fagiano, starna, pernice rossa e coniglio selvatico - n. 2 capi non cumulabili con lepre e coturnice
(qualora consentito);
4) cinghiale - n. 5 capi ;
le specie elencate ai punti 1, 2 e 3 sono abbattibili nel numero massimo di due capi di cui una sola lepre
e una sola coturnice (quest'ultima qualora consentita) ;
b) selvaggina migratoria:
1) quaglie e tortore - n. 10 capi complessivi;

2) tordi, merli e cesene - n. 15 capi complessivi ;

3) trampolieri e palmipedi - n. 8 capi complessivi;

4) colombacci - n. 6 capi , fatta eccezione nel periodo 1 ottobre/15 novembre in cui è consentito il

prelievo di n. 10 capi;
5) beccacce - n. 3 capi giornalieri (nei mesi di ottobre, novembre e dicembre) - n. 2 capi giornalieri
(nel mese di gennaio).
Il numero massimo di capi abbattibili giornalmente appartenenti alle specie di cui alle lett. a) e b) non
può superare complessivamente i 20 capi . Per le altre specie non elencate, il numero massimo
consentito è complessivamente di 15 capi.
Per la specie allodola il carniere giornaliero è di 10 capi/cacciatore , con un massimo stagionale di 50
capi/cacciatore.
Per la specie quaglia il carniere massimo stagionale è di 50 capi/cacciatore.
Per la specie codone il carniere giornaliero è di 5 capi, con un massimo stagionale di 25 capi per
cacciatore.
Per la specie pavoncella il carniere giornaliero è di 5 capi/cacciatore, con un massimo stagionale di 30
capi/cacciatore.
Per la specie Combattente il carniere giornaliero è di 5 capi/cacciatore con una massimo stagionale di
20 capi/cacciatore;
Per la specie beccaccia il carniere massimo stagionale è di 20 capi/cacciatore;
Per la specie beccaccino il carniere massimo stagionale è di 40 capi/cacciatore;
Per la specie mestolone il carniere massimo stagionale è di 40 capi/cacciatore.
REGIONE MARCHE fPa9l
GIUNTA REGIONALE ~
Delibera
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 5
Caccia al cinghiale

Ai sensi della L. R 7/95 e del R R n. 3/2012 il prelievo della specie è consentito nelle seguenti forme:

braccata, girata , individuale, occasionale e selezione.

Prelievo del cinghiale nella forma della braccata e della girata

Oltre a quanto stabilito nel RR n. 3/2012, il cacciatore è tenuto a contrassegnare sul tesserino

venatorio la giornata di caccia e i capi abbattuti.

Prelievo del cinghiale in forma individuale

Il prelievo venatorio in forma individuale è consentito nelle aree non vocate alla presenza della specie

(territori ricadenti in zona C, art. 7, comma 1 bis del RR n. 3/2012) nelle giornate settimanali previste

dal calendario venatorio per la caccia in battuta.

Oltre a quanto stabilito nel R R n.3/2012, il cacciatore è tenuto a contrassegnare sul tesserino

venatorio la giornata di caccia e i capi abbattuti.

Il prelievo può essere esercitato solo con fucile ad anima liscia. E' fatto comunque divieto, a coloro che

esercitano la caccia al cinghiale, di utilizzare e detenere durante l'attività di prelievo munizioni spezzate.

Il cacciatore che esercita il prelievo venatorio in forma individuale deve indossare un capo di

abbigliamento di colore arancione, rosso o giallo.

Prelievo del cinghiale in forma occasionale

Il prelievo in forma occasionale, senza l'ausilio del cane da seguita, è consentito nelle aree non vocate

alla presenza della specie (territori ricadenti in zona C, art. 7, comma 1 bis R R n. 3/2012) nelle

giornate settimanali previste dal calendario venatorio per la caccia in battuta.

Il cacciatore è tenuto a contrassegnare sul tesserino venatorio i capi abbattuti.

Caccia di selezione

I periodi consentiti per il prelievo in forma selettiva sono quelle stabiliti dai rispettivi calendari regionali .


giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1004
    • Mostra profilo
Risposta #82 il: 16/05/2019 - 21:37
Convegno

giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1004
    • Mostra profilo
Risposta #81 il: 25/04/2019 - 22:07
Delibera regionale calendario venatorio caccia selezione 2019/2020.

giamp50

  • Hero Member
  • *****
  • entroterra Conero -media bassa Valmusone
  • Post: 1004
    • Mostra profilo
Risposta #80 il: 19/04/2019 - 08:43
Buona Pasqu anche a Te, Rimescolo.

E si, che vuoi farci, sulle cose che ritengo importanti ci vado giù ... , purtroppo è un mio grosso difetto che tende a peggiorare con l'arteriosclerosi della vecchiaia!

Ciao.

Rimescolo

  • Sr. Member
  • ****
  • campiglia m/ma
  • Post: 344
    • Mostra profilo
Risposta #79 il: 19/04/2019 - 08:12
 Giamp a vederti non sembri così piccante, sembri piuttosto pacioso...credo che l'orientamento alla rinuncia di specie cacciabili in preapertura sia dettata onde evitare ricorsi sistematici degli animalisti. Per quanto mi riguarda sono daccordo, anche se la specie colombaccio non soffrirebbe oltre misura, ma.....io sono tifoso della viola, buona Pasqua
La passera è sempre la passera! Solo la fetta di cocomero fresca ci va vicino.........